Un’offerta di sport più varia e articolata; la presenza dell’attività motoria nei luoghi di formazione (scuole e università) come volano dello sviluppo; la necessità di potenziare le infrastrutture sportive del Paese per supportare un business globale molto più ampio e il conseguente bisogno di un controllo maggiore sulle problematiche di governance, sui processi organizzativi e sulle transazioni economiche.

Sono questi i trend principali che emergono dalla ricerca “2050: scenari sul futuro dello sport in Italia”, realizzata da Istituto Piepoli e presentata nel Salone d’Onore del Comitato Olimpico Nazionale Italiano. All’incontro hanno partecipato il Presidente del CONI Giovanni Malagò, il Presidente ASOIF (Associazione delle Federazioni degli Sport Olimpici Estivi) Francesco Ricci Bitti, il Presidente del Comitato Italiano Paralimpico Luca Pancalli, il Presidente dell’ISTAT Giancarlo Blangiardo, il Presidente dell’Istituto Piepoli Nicola Piepoli e la velista Caterina Banti, campionessa olimpica a Tokyo 2020.

Livio Gigliuto, vice Presidente Istituto Piepoli, ha illustrato i punti fondamentali della ricerca. “Abbiamo intervistato un campione di italiani per cercare di capire cosa sarà lo sport nel 2050 in Italia tenendo presente alcuni punti cardine. I nostri risultati hanno evidenziato come il 53% degli italiani pensi che lo sport e l’attività fisica saranno migliori nel 2050; il 55% pensa che i praticanti cresceranno, mentre per il 6% lo sport sarà uno dei tre settori più importanti per il Paese nel 2050″. Emergeranno nuovi sport, si legge nella ricerca, mentre alcuni sport tradizionali tenderanno scomparire.
Gli sport individuali potrebbero crescere a scapito degli sport di squadra.
Le discipline come gli sport all’aria aperta e gli sport a casa acquisiranno importanza.
La tecnologia e la coesione sociale saranno fondamentali in questa prospettiva.
Gli e-game attuali diventeranno veri e propri nuovi sport e gli e-atleti veri e propri atleti.
È probabile che i bambini diventino di nuovo più attivi nello sport poiché la tecnologia sarà integrata nello sport stesso, un requisito per le generazioni future (lo sport con all’interno un elemento di gioco tecnologico). Si potrà fare una partita nel club locale ma anche in un altro continente, per
esempio con un amico a Tokyo.

Gli e-sport sono dominio esclusivo della GenZ e della Gen Alpha. Tra dieci anni questi bambini e ragazzi saranno adulti ma ameranno ancora i loro giochi di e- sport e costituiranno di gran lunga la parte più grande della popolazione a quel tempo.
Inoltre, gli e-game e gli e-sport possono essere giocati ovunque nel mondo con qualsiasi altra persona. Questo rende lo sport elettronico estremamente accessibile a chiunque. Uguaglianza, solidarietà e tecnologia sono i valori che contano per le nuove generazioni.
Le opportunità di ulteriore crescita per gli e-sport sono numerose poiché i giochi si trasformeranno in veri e propri sport dal vivo con e-atleti dotati di Visori VR/AR, che interpreteranno i propri eroi nel mondo reale.
Il CIO potrebbe riconoscere la popolarità degli e-sport e quindi concedere loro lo status olimpico.

Il tradizionale modello di business delle scommesse sportive sarà completamente stravolto
Ci sarà sempre spazio per le scommesse sportive, ma non più nel modo tradizionale. L’arrivo dell’intelligenza artificiale e della blockchain capovolgerà i tradizionali modelli di business delle scommesse.
Il ruolo del bookmaker svanirà e si svilupperà un nuovo sistema di scommesse peer to peer con maggiore trasparenza e costi inferiori.
La nuova tecnologia consentirà scommesse in tempo reale e su misura nello stadio e in qualsiasi altro luogo. (nella foto G.Malago’)

”.

Articolo precedenteBrindisi. GdF sequestra 218.000 euro a esercente. Giocate e vincite al Lotto senza riversare somme al concessionario
Articolo successivoLotto e 10eLotto: ecco i top 10 numeri ritardatari e le vincite del 14 gennaio