L’ombra dello scommesse travolge nuovamente il calcio spagnolo. Stando a quanto riportano diversi media spagnoli alcuni giocatori della Liga e della Segunda Divisione sono stati arrestati questa mattina in un mega-blitz della Polizia con l’accusa di associazione a delinquere, corruzione tra privati e riciclaggio di capitali.

Stando a quanto riferisce il quotidiano catalano “EL Periodico” l’indagine si riferisce alle stagioni 2016/17 e 2017/18. Tra gli arrestati ci sarebbe anche l’ex nazionale spagnolo e giocatore del Real Madrid, Raul Bravo che ha finito la carriera in Grecia con l’Aris Salonicco. Sarebbe lui, stando a fonti della Polizia citate da “Servimedia” la mente dell’organizzazione. Ma non solo, perché sono finiti in manette anche calciatori che hanno giocato l’ultimo campionato in Liga come Borja Fernandez, 38 anni, che quest’anno ha dato l’addio al calcio dopo aver chiuso la stagione col Valladolid, Samu Saiz del Getafe, 28enne e proveniente dalla Cantera del Real Madrid, Carlos Aranda, 38enne, altro canterano delle Merengues che si è ritirato nel 2017.