Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – È stato proprio il Tribunale di Frosinone, dal quale è stata sollevata la questione pregiudiziale da cui è scaturita la Sentenza Laezza, ad applicarne i contenuti a fattispecie connessa all’operatore Goldbet.

All’udienza del 5 luglio 2017, il giudice assegnatario del processo, già componente del collegio che aveva rimesso la questione in Corte di Giustizia, condividendo i contenuti della memoria difensiva dell’avv.Marco Ripamonti nell’interesse del l’imputato circa la discriminazione da parte del Bando Monti ai danni del bookmaker austriaco, ha assolto con ampia formula ai sensi dell’art.129 cp.

Commenta su Facebook