Maurizio, 36 anni, gestisce una agenzia di scommesse nel cuore della Toscana. Chiede rispetto e alla politica vuole dire che la chiusura del settore del gioco non risolverà i problemi del popolo italiano, ma li accentuerà “lasciando a casa migliaia…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati

Articolo precedenteRiapertura giochi, scommesse e bingo. Il 12 giugno, secondo indiscrezioni, il possibile sblocco
Articolo successivoA TESTA ALTA. “Mio marito non sa cosa sia un pranzo di Natale o di Pasqua”. Le preoccupazioni di Ersilia, moglie di un dipendente di sala bingo