Maurizio, 36 anni, gestisce una agenzia di scommesse nel cuore della Toscana. Chiede rispetto e alla politica vuole dire che la chiusura del settore del gioco non risolverà i problemi del popolo italiano, ma li accentuerà “lasciando a casa migliaia di persone”.

“Sono Maurizio, ho 36 anni e gestisco un agenzia di scommesse #Snaitech a Castiglion Fiorentino, un piccolo paesino della Toscana in provincia di Arezzo.

Advertisement

Sono 4 anni che sono nel settore e noto un “astio” davvero eccessivo da una parte politica nei nostri confronti, volevo ricordare che non esistono settori di Serie A e Serie B. Non tutti comprendono il nostro lavoro se si soffermano solo sulla raccolta; per quanto mi riguarda, la mia agenzia è anche un punto d’incontro e di ritrovo dove tutti i giorni si respira aria di amicizia tra gente del paese.

Chiediamo la giusta TUTELA per ripartire al più presto. #Atestaalta e a gran voce vi posso dire che non sarà la proroga di chiusura a risolvere i problemi del popolo anzi, sarà allora ed in quel caso che cresceranno i problemi perché lascereste a casa migliaia di persone. MERITIAMO ASSOLUTO RISPETTO!”

SE HAI DA DIRE QUALCOSA ANCHE TU, VUOI RACCONTARE LA TUA STORIA DI LAVORATORE DEL GIOCO LEGALE, INVIA UNA EMAIL A [email protected]

o un messaggio via facebook alla pagina Jamma-Il quotidiano del Gioco

Ricordati di indicare il tuo nome