Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) Da alcune settimane i Carabinieri della compagnia di Gallipoli, guidati dal capitano Francesco Battaglia, stanno eseguendo verifiche all’interno di esercizi pubblici con servizio di raccolta scommesse sportive, nella cittadina ionica e nei paesi limitrofi.Da queste verifiche sono scaturite sei sanzioni nei confronti di altrettanti centri scommesse, che si vanno a sommare alle cinque contestate nelle scorse settimane.

Inoltre gli esercizi sono stati segnalati alla questura di Lecce che deciderà se procedere al blocco delle attività e il ritiro della licenza.

Nei confronti di questi esercenti è stata appunto contestata la violazione dell’ex articolo 7 della legge regionale 43/2014 della Regione Puglia, che vieta l’apertura di centri scommesse, ad una distanza inferiore ai 500 metri, nei pressi di luoghi di culto, centri di aggregazione ed edifici scolastici. L’autorizzazione è concessa per cinque anni e può essere chiesto il rinnovo dopo la scadenza.

Al comma 3 dell’articolo 7 la legge prevede che per le ” autorizzazioni esistenti (all’entrata in vigore della legge ndr) il termine di cinque anni”  decorra ” dalla data di entrata in vigore della legge”. Va precisato che la legge in oggetto è entrata in vigore il 20 dicembre 2013.

Commenta su Facebook