Ha dominato il Giro Romandia, tradizionale antipasto rosa, destando grandissima impressione, e prima aveva vinto già l’UAE Tour e la Tirreno-Adriatico: Primoz Roglic, sloveno ventinovenne della Jumbo Visma, è il favorito numero uno del Giro d’Italia che partirà domani da Bologna: per gli analisti SNAI la sua vittoria finale vale 3 volte la scommessa.

La sua unica esperienza al Giro si concluse nel 2016 al 58° posto, ma il riferimento più recente in una grande corsa a tappe è la 4ª piazza al Tour de France dello scorso anno. A ridosso di Roglic, a 3,50, c’è Tom Dumoulin, che il Giro l’ha già vinto nel 2017 e sfiorato l’anno scorso (2°). Segue a 4,00 Simon Yates, splendido nelle prime due settimane dell’edizione passata e crollato nell’ultima. Sul quarto gradino dei favoriti, a 5,50, siede Vincenzo Nibali: in bacheca ha già le maglie rosa del 2013 e 2016, ma in questa stagione è rimasto finora piuttosto defilato. Seguono Miguel Angel Lopez (3° nel 2018 sia nel Giro che nella Vuelta) a 10 e Landa a 20, lontanissimi gli altri.

Miguel Angel Lopez è il ragazzo d’oro – Elia Viviani punta alle tappe riservate ai velocisti e alla maglia ciclamino della classifica a punti. Per questo secondo obiettivo è il favorito di SNAI, a 4,00, davanti a Ackermann (5,50) e Demare (6,50). Occhio anche al colombiano Gaviria (7,50), uno degli sprinter più forti del mondo, vincitore della classifica a punti nel 2017. I candidati più autorevoli per la maglia azzurra degli scalatori sono Simon Yates e l’italiano Masnada, che quest’anno ha vinto la classifica scalatori del Giro di Sicilia. I due sono appaiati a 6,50 e precedono Ciccone, a 7,50. Quanto alla maglia bianca di miglior giovane, strafavorito il colombiano Miguel Angel Lopez, vincitore della stessa classifica anche l’anno scorso, in virtù del terzo posto assoluto.