Suggestioni altissime per la Ferrari che gioca in casa, ma per il monegasco la strada è in salita. Favoritissimo come al solito Hamilton, a 1,45. Bottas a 4,50 e Verstappen a 5,50 le insidie maggiori

Quattordici anni dopo l’ultima volta, la Formula 1 torna a Imola, uno dei circuiti più iconici del Circus, con il Gran Premio dell’Emilia Romagna. Un’assenza lunghissima, tanto che tra i piloti in gara l’unico ad aver corso sul circuito emiliano è Kimi Raikkonen. Domenica però sarà ancora una volta Lewis Hamilton l’uomo da battere in virtù delle 8 vittorie su 12 gare mondiali sin qui disputate. Secondo i quotisti SNAI il successo del pilota inglese con la sua Mercedes numero 44 è certo o quasi vista la quota di 1,45. Tra l’altro Hamilton sarebbe il quarto inglese a trionfare ad Imola dopo Mansell, Damon Hill e Coulthard. Il campione del mondo dovrà però guardarsi le spalle dal compagno di squadra Valtteri Bottas. Il pilota finlandese va a caccia del terzo successo stagionale. La sua vittoria si gioca a 4,50. Max Verstappen, al volante della Red Bull, proverà ad inserirsi nella lotta tra i due della Mercedes per accorciare il distacco in classifica generale: il trionfo dell’olandese è in quota a 5,50.

Advertisement

Raikkonen, quota stellare – Da notare come quest’anno già in sette occasioni, i tre grandi favoriti si siano alternati sul podio. Dietro di loro il vuoto ma c’è chi sogna di imitare una leggenda della Formula 1. Charles Leclerc, il cui successo pagherebbe 25 volte la posta, vorrebbe succedere, nell’albo d’oro, a Michael Schumacher, ultimo vincitore sul tracciato emiliano. Il Kaiser è salito per ben sette volte sul gradino più alto del podio a Imola e in ben sei occasioni era al volante di una Ferrari. Il Piccolo Principe monegasco tenterà così di riportare la Rossa al successo sull’Autodromo che porta il nome del fondatore della scuderia. E Kimi Raikkonen? Iceman, che ad Imola ha corso sei volte, non è mai andato oltre il secondo posto, nel 2003 con la McLaren. Difficilmente riuscirà a fare di meglio visto che il suo trionfo si gioca a 1.000.