Dopo aver sprecato due pole position in Russia e Giappone, dove ha vinto sempre la Mercedes partendo da dietro, la Ferrari va all’assalto del Gp del Messico, su un circuito nel quale la potenza della Rossa può fare la differenza,…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati

Articolo precedenteResponsibility in gaming. Arjan van ‘t Veer ( EL): ‘Il progresso va accettato come opportunità per aiutare la regolamentazione del mercato’
Articolo successivoGP del Messico, Hamilton a caccia del sesto titolo Mondiale. Testa a testa con Leclerc per la vittoria, entrambi a 3.00 su Sisal Matchpoint