Jannik Sinner (nella foto) non ha fatto in tempo a festeggiare il primo ATP 500 della carriera, domenica notte a Washington, che è volato a Toronto dove da oggi è in programma il Masters 1000 canadese. Il tennista italiano, attuale numero 15 del mondo, esordirà contro il vincente della sfida tra Duckworth, un solo precedente vincente per l’azzurro, e Fritz, americano di 23 anni e mai affrontato da Sinner. Il tennista italiano va a caccia di una doppietta, Washington-Toronto, riuscita a soli tre giocatori nella storia: Ivan Lendl, nel 1987, Andre Agassi, nel 1995, e Alexander Zverev, nel 2017.

Secondo gli esperti di Sisal Matchpoint, Sinner è sul gradino più basso del podio tra i favoriti per il titolo vista la quota di 12,00. Alla pari con l’azzurro si trova il russo Andrey Rublev, numero 7 dell’ATP, vincitore quest’anno a Rotterdam sempre sul veloce. Sono due invece gli uomini da battere: Daniil Medvedev e Rafa Nadal, vincitore delle ultime due edizioni. Il russo e lo spagnolo partono alla parti e proprio il numero 2 del mondo potrebbe essere l’avversario di Sinner negli ottavi. Il mancino di Manacor, al contrario, ha vinto a Toronto in 5 occasioni e va all’attacco del record di sei successi in mano a Ivan Lendl. Il trionfo di Medvedev o Nadal si gioca a 3,50. Il primo avversario dei due finalisti del 2019 dovrebbe essere invece il greco Stefanos Tsitsipas, vincitore quest’anno a Montecarlo e Lione. Il numero 3 del mondo prova a riscattare un’Olimpiade opaca che lo ha visto cadere, agli ottavi, contro il francese Humbert. Il terzo titolo dell’anno per il tennista di Atene è in quota a 7,50. Lontanissimi gli altri due italiani in tabellone, Fabio Fognini e Lorenzo Sonego: il successo del ligure è dato a 66,00, quello del torinese pagherebbe 100 volte la posta.

Sisal ricorda sempre che il gioco è vietato ai minori e che bisogna giocare sempre con consapevolezza e moderazione.