Il vincitore del Festival 2019, stavolta in coppia con Blanco, parte favorito, a 4,50. Con lui la cantautrice triestina, che si ripresenta a 21 anni dal trionfo di “Luce”. Ad alta quota Gianni Morandi, a 28, chiude Iva Zanicchi a 75

A Sanremo c’è aria di grandi bis. Così la vedono i betting analyst di SNAI, che indicano come favoriti del Festival 2022 Mahmood ed Elisa. Il primo torna dopo l’inatteso successo di “Soldi” (2019) e presenta, in coppia con Blanco, il brano “Brividi”; la seconda, con “O forse sei tu”, spera di ripetere il grande successo di “Luce (tramonti a nord-est)” nel 2001, ultima sua partecipazione. Entrambi sono dati vincenti a 4,50. In cima alle preferenze dei trader, a 8,00, c’è anche Emma (“Ogni volta è così”), che a Sanremo ha vinto due volte. La seguono da vicino la Rappresentante di Lista, già presente lo scorso anno, a 9,00, e Sangiovanni, a 10. Achille Lauro, che a Sanremo ha sfondato con i suoi look, è invece più lontano dal podio, a 12, così come Irama e Rkomi.

Ranieri a 15 – Strada in salita per la vecchia guardia: Massimo Ranieri, vincitore nel 1988 con “Perdere l’amore”, su SNAI si colloca solo a centro gruppo, a 15. Ancora più lontano dal successo, a 28, il suo amico e antico rivale Gianni Morandi, unico concorrente in gara ad aver condotto a sua volta Sanremo e ad aver occupato tutti i gradini del podio.

Bocciate le “regine dell’estate” – Cammino non facile anche per gli esordienti: qualche chance per Dargen D’Amico, a 15, meno per AKA 7even, a 28. Michele Bravi, ex vincitore di X Factor e già a Sanremo nel 2017, si ferma a quota 20. Le regine dei tormentoni estivi restano decisamente lontane dal podio: Ana Mena è terzultima a 40, Giusy Ferreri penultima a 50. All’ultimo posto, a 75, c’è Iva Zanicchi, che però è sul podio “all time”, con tre Festival vinti: meglio di lei, con quattro trionfi, solo Domenico Modugno e Claudio Villa.

Articolo precedenteEUROPOL presenta il suo nuovo rapporto “Criptovaluta: tracciare l’evoluzione delle finanze criminali”
Articolo successivoCoordinamento Ippodromi e ANI, ecco le priorità: “Direzione ippica, pagamento premi affidato a società di corse, riflessione su scommesse e vendita all’estero del segnale tv”