La paura per Jannik Sinner (nella foto) è stata enorme, inutile negarlo. Però poi, ai meno giovani, è venuto in mente che anche nel 1976, sempre sulla terra rossa del Roland Garros e sempre al primo turno, Adriano Panatta annullò un match-point al cecoslovacco Hutka prima di vincere l’incontro al quinto set.

Come finì poi quell’edizione è ben noto a tutti con il romano ad alzare al cielo di Parigi la Coppa dei Moschettieri. L’augurio, per Sinner, è che il percorso possa essere lo stesso. Il tennista azzurro, dopo aver piegato l’americano Herbert in maniera rocambolesca, domani sfida Gianluca Mager per un posto tra i migliori 32 del torneo.

Il numero 18 del mondo parte favoritissimo, secondo gli esperti di Sisal Matchpoint, che lo vedono vincente a 1,19 rispetto al 4,80 del tennista di Sanremo. Quello di domani, sul rosso parigino, sarà il primo confronto diretto tra i due e potrebbe essere una partita “corta”, visto che una sfida chiusa in tre set, ipotesi a 1,85, si fa preferire a una maratona fino al quinto, in quota a 5,25. Domani però l’Italtennis vedrà in campo anche Lorenzo Musetti e Fabio Fognini. Il toscano, dopo aver dato spettacolo contro Goffin eliminato in tre set, punta a ripetersi contro il giapponese Yoshihito Nishioka, dal quale è stato recentemente eliminato a Parma.

C’è dunque voglia di rivincita e Musetti parte avanti nei pronostici, vincente a 1,42, rispetto all’attuale numero 57 del ranking mondiale, dato a più del doppio, 2,90. Non dovrebbe incontrare difficoltà neanche Fabio Fognini che si trova, dall’altra parte della rete, Marton Fucsovics. Il tennista azzurro, che sulla terra del Roland Garros ha conquistato il suo miglior risultato negli Slam con i quarti del 2011, è in vantaggio negli scontri diretti con l’ungherese ma i due si sfidano per la prima volta sul rosso: favorito il ligure, che si gioca a 1,62, rispetto a Fucsovics il cui successo è in quota a 2,30.

Sisal ricorda sempre che il gioco è vietato ai minori e che bisogna giocare sempre con consapevolezza e moderazione.