C’è un uomo solo al comando del Mondiale di Formula 1 ma, incredibile a dirsi, non è Lewis Hamilton. Il sette volte campione del mondo, da quattro anni dominatore assoluto del Circus si ritrova nell’insolita veste di inseguitore alle spalle di uno scatenato Max Verstappen che, dopo l’Hat Trick in Francia di domenica scorsa, punta a ripetersi nel Gran Premio di Stiria. Sul circuito di casa del Red Bull Ring, il pilota olandese, che prova ad allungare in classifica iridata, si presenta da favorito secondo gli esperti di Sisal Matchpoint: il quarto successo stagionale del numero 33 della Red Bull si gioca a 2,00. Come sempre al suo fianco, in prima fila, c’è Lewis Hamilton che, è cosa nota, nella bagarre si esalta. Il pilota inglese è consapevole che quest’anno si preannuncia un testa a testa, fino alla fine, con Verstappen (favorito per il titolo a 1,80 contro il 2,00 del numero 44 della Mercedes) così cerca di accorciare il gap sin da domenica prossima: bissare il successo della scorsa stagione sui tornanti austriaci si gioca a 2,50.

Le seconde guide di Mercedes e Red Bull, Valtteri Bottas e Sergio Perez, sono appaiate dietro i loro capisquadra. Il messicano della scuderia austriaca è, al momento, la terza forza della stagione in chiave piloti mentre il finlandese è quinto alle spalle anche di Norris su McLaren. Difficile possano inserirsi nella lotta tra i due litiganti ma Baku ha insegnato che nella Formula 1 di quest’anno le sorprese sono dietro l’angolo: un trionfo di Bottas o Perez pagherebbe 9 volte la posta.

Anche tra le scuderie il testa a testa, per il successo, è tra Red Bull e Mercedes: la vittoria austriaca è data a 1,80 contro l’1,90 dei tedeschi. La Ferrari, nonostante la gara negativa di Le Castellet, chiude il podio tra le squadre a 16 mettendo il muso davanti alla McLaren in quota a 25.

Proprio il Gran Premio di Francia ha un po’ frenato l’entusiasmo a Maranello dopo le due pole consecutive a Monaco e in Azerbaijan. Le Rosse, almeno in partenza, sono consapevoli che anche in Austria bisognerà riporre in un cassetto i sogni di gloria e che, soprattutto, si deve evitare ciò che è successo lo scorso anno quando Vettel e Leclerc si toccarono al primo giro con conseguente ritiro di entrambi. La situazione oggi appare diversa ma sia il monegasco che Carlos Sainz sognano di riportare la vettura di Maranello sul gradino più alto del podio. Gli esperti di Sisal Matchpoint credono che Charles Leclerc, al momento, sia quello ad avere più chance tra i due piloti in Rosso tanto che il suo terzo successo in Formula 1 si gioca a 33. Nonostante rimanga lontano, il pilota spagnolo ha accorciato il gap che lo divide dal compagno di squadra e, ogni giorno che passa, sente la Ferrari sempre più sua. Vedere Sainz primo sotto la bandiera a scacchi pagherebbe 50 volte la posta.