Richard Carapaz prova a nascondersi ma sa benissimo di essere un uomo solo al comando. Il Giro d’Italia che prende il via oggi da Budapest ha un grandissimo favorito nel ciclista dell’Ecuador il quale ha già trionfato, tre anni fa, nella corsa rosa. Gli esperti Sisal, infatti, vedono il trionfo di Carapaz a 2,50: sarebbe una vittoria incredibile per il corridore sudamericano reduce, lo scorso anno, dalla medaglia d’oro ai Giochi Olimpici di Tokyo. 

Ovviamente c’è chi proverà a sovvertire il pronostico a cominciare dalla coppia formata dall’inglese Simon Yates e dal portoghese Joao Almeida. Il primo, terzo lo scorso anno al Giro d’Italia e vincitore della Vuelta nel 2018, vuole regalarsi il secondo dei grandi giri cercando di migliorare il risultato del 2021. Il portoghese, al contrario, va a caccia della prima vittoria di prestigio della carriera e, a 23 anni, sembra sul punto di spiccare il volo. Il successo di uno tra Yates e Almeida si gioca a 7,50.

Lontanissimi, al momento, i ciclisti italiani che non vincono la corsa di casa dal 2016 quando a imporsi, per la seconda volta in carriera, fu Vincenzo Nibali. Lo Squalo tiene un profilo basso e non fa proclami ma se dovesse presentarsi l’occasione non si tirerà indietro. Il terzo successo del ciclista siciliano pagherebbe 66 volte la posta. Il migliore degli azzurri è Giulio Ciccone, apparso in buona forma in questa prima parte della stagione e pronto a dare battaglia ai favoriti della vigilia. La sua vittoria nella corsa rosa è offerto a 33.