Al via gli ottavi di finale, il pronostico per il gala di San Siro è dalla parte degli inglesi, dati a 2,10. Sfida-gol tra Salah e Dzeko, ex compagni di squadra nella Roma: l’egiziano è il bomber più “caldo”, a 2,25

Sei vittorie su sei nella fase a gironi, con 17 gol fatti e 7 subiti; sei su sei anche nelle ultime partite, fra campionato, Fa Cup e Coppa di Lega: questo lo spessore del Liverpool, che scenderà in campo domani a San Siro contro l’Inter, negli ottavi di andata della Champions League. Con premesse di questo tipo, normale che gli inglesi si presentino all’impegno da favoriti: il «2» Red è dato a 2,10 dagli analisti Snai, che comunque non considerano impossibile un successo nerazzurro, a 3,40, così come una «X» a 3,55. Quanto al passaggio del turno, Liverpool nettamente avanti, a 1,25, Inter a 3,75. Malgrado siano entrambi ricchissimi di gloria europea, i due club si sono incontrati soltanto quattro volte: il primo incrocio avvenne nelle semifinali di Coppa dei Campioni del 1964-65, quando l’Inter recuperò la sconfitta ad Anfield Road (3-1) con uno spettacolare 3-0, guadagnandosi la vittoriosa finale con il Benfica. Il secondo, negli ottavi della Champions 2007-08, dominati dal Liverpool con due vittorie.

Diogo scatenato – Nell’ambito dei possibili bomber, suggestivo il confronto tra Dzeko e Salah, che nella Roma costituirono un’accoppiata formidabile. Allora però l’egiziano era la spalla, ora è l’uomo gol più atteso, a 2,25, mentre il bosniaco è dato da Snai a 3,50. Occhio anche a Diogo Jota, che sta segnando a ripetizione (5 reti nelle ultime 6 uscite ufficiali): il portoghese è a 2,75.

Rischio Real – La prima parte del tabellone degli ottavi prevede anche uno stellare Psg-Real Madrid, in campo questa sera al Parco dei Principi. Francesi avanti, a 2,00, i Galacticos inseguono a 3,65, pareggio a 3,70. Chance ridottissime per lo Sporting (8,50) che ospita il Manchester City (1,37), favorito numero uno per il trionfo finale. Sulla carta già segnato anche il confronto tra Salisburgo e Bayern di Monaco: il «2» bavarese è a 1,35, l’impresa austriaca vale 7,50.