calcio
Print Friendly, PDF & Email

SCOMMESSE – Proseguono i Mondiali di calcio in Russia. Oggi ci concentriamo sul gruppo B, composto da Spagna, Portogallo, Iran e Marocco.

L’Iran fa il suo secondo viaggio consecutivo in Coppa del Mondo, dopo essere diventato la prima nazione a qualificarsi per la Russia nella compagine asiatica. La squadra, sicuramente sfavorita in questo girone, è comunque determinata a fare meglio di quanto prodotto in Brasile nel 2014. Carlos Queiroz ha creato una solida linea difensiva, registrando ben 12 match senza subire reti durante le qualificazioni, giocando con uno stile paziente, cercando di colpire in contrattacco quando si presenta l’opportunità. L’allenatore portoghese ha molta esperienza nella gestione ad alto livello, avendo guidato tre nazioni diverse in Coppa del Mondo, dopo aver lavorato anche con i giganti europei del Real Madrid e del Manchester United sotto la guida di Sir Alex Ferguson. La squadra dopo il 4-2-3-1 iniziale oggi punta sul 4-3-3, e gli attaccanti Karim Ansarifard e Sardar Azmoun potrebbero trarre il massimo vantaggio da questo nuovo design offensivo. Con molti dei giocatori iraniani che si cimentano in campionati europei, non saranno sicuramente intimiditi dal livello della competizione.

La Spagna è favorita per vincere il gruppo B, i vincitori della Coppa del Mondo 2010 continuano infatti a coltivare il loro talento all’interno della squadra. L’unica difficoltà può essere rappresentata dal cambio di allenatore proprio a pochi giorni dall’inizio della competizione. Le furie rosse dopo aver superato le qualificazioni puntano a sollevare il secondo trofeo negli ultimi 8 anni. Il calcio spagnolo è elegante, manovrato e con un attacco devastante. La formazione dovrebbe essere il 4-3-3, con Diego Costa, Isco e Asensio. Senza dimenticare David Silva e Iniesta, giocatori con esperienza da vendere, brillanti centrocampisti capaci di leggere il gioco al meglio. Questa potrebbe essere l’ultima corsa per loro in nazionale, e sicuramente faranno di tutto per sfoggiare tutte le loro qualità. Spagna messa molto bene anche in difesa, dove troviamo tra i pali David De Gea, diventato uno dei migliori portieri al mondo. La Spagna è sicuramente la squadra più completa del gruppo.

Il Marocco torna in Coppa del Mondo dopo 20 anni di assenza. La squadra sta cercando di fare, come già avvenuto in passato, un’altra impresa storica, qualificarsi agli ottavi di finale. La loro grintosa mentalità difensiva potrebbe giocare a loro favore. Hervé Renard ha dimostrato che a volte le sue tattiche possono essere difficili da guardare, ma sono efficaci quando hanno bisogno di punti in uno scenario di qualificazione. Il francese ha fatto quello che i suoi predecessori non erano stati in grado di fare, riportare il Marocco ai palcoscenici più grandiosi. La forza della squadra inizia nella parte posteriore, giocando con un 4-5-1, Karim El Ahmadi, M’barek Boussoufa, Mehdi Benatia, Hakim Ziyech e Nordin Amrabat offrono ottime garanzie. Le difficoltà maggiori saranno in fase offensiva, con un numero limitato di uomini gol di alta qualità. Sarà il centrocampista d’attacco Hakim Ziyech ad avere le maggiori responsabilità, il giocatore dell’Ajax si è guadagnato la reputazione di giocatore tuttofare offensivo. Anche Sofiane Boufal potrebbe giocare un ruolo fondamentale se avrà la possibilità di brillare, il giocatore della Premier League ha mostrato scorci delle sue vere qualità in questa stagione. Il Marocco è un’altra squadra costruita per i tornei. Potrebbe essere la sorpresa del girone.

Il Portogallo arriva in Russia come campione in carica di Euro 2016, la Seleção ha stupito molti sollevando il trofeo europeo due estati fa. Dato che la maggior parte della squadra è intatta, insieme a uno dei migliori giocatori al mondo dalla loro parte, il Portogallo puòambire a vincere il proprio secondo trofeo più importante di sempre. Fernando Santos farà il suo primo tentativo di portare il Portogallo alla Coppa del Mondo, subentrato nel 2014 dopo le brutte esibizioni dei portoghesi in Brasile, Santos è fiducioso che la sua squadra possa continuare a scrivere la propria storia. La Seleção è una squadra potente che gioca offensiva, con 4-4-2 o 4-4-1-1, l’attacco si concentra sulla stella del Real Madrid Cristiano Ronaldo. Il grande attaccante ha dimostrato di essere all’altezza dei palcoscenici più grandi, avendo
dominato durante le partite in Champions League. Santos ha una squadra più talentuosa che negli anni passati, Bernardo Silva e André Silva dovrebbero contribuire a sollevare gran parte delle responsabilità di Ronaldo. Gli uomini di Man City e Milan hanno trascorso gran parte delle loro attuali stagioni in panchina, l’opportunità di ottenere minuti preziosi di fronte agli occhi del mondo in genere motiva i giocatori ad alzare il livello delle loro prestazioni. Guai a sottovalutare questa squadra.

Commenta su Facebook