E’ pubblicato sul sito istituzionale dell’Adm il protocollo di comunicazione delle scommesse ippiche, PSIP 2, che, rispetto alla precedente versione in bozza, apporta le seguenti modifiche:

Eliminato il messaggio per lo storno di un biglietto telematico riscosso, scommesse Singole/Plurime (3010:5); 2. Eliminato il messaggio per la rettifica di un biglietto telematico riscosso, scommesse Singole/Plurime (3010:6); 3. Modifica nell’ordine dei campi del body di riposta del messaggio Informazione Biglietto giocata sistemistica (3011/9).

Si rende, inoltre, disponibile la nuova versione del manuale per i test da sostenere durante la sessione di prova per la verifica del colloquio con il Totalizzatore Nazionale, che recepisce le modifiche apportate al protocollo. Si ricorda che i concessionari o società di corse, che attualmente operano in ambiente reale, devono sostenere la sessione di prova per la verifica del colloquio con il Totalizzatore Nazionale: nel caso cui vogliano gestire il programma complementare; nel caso, con riferimento ai concessionari per il gioco a distanza, vogliano gestire i nuovi messaggi introdotti con la versione del protocollo PSIP 2, ossia:
 Storno biglietto telematico riscosso, scommesse a quota fissa (3011:10);
 Rettifica biglietto telematico riscosso, scommesse a quota fissa (3011:11);
 Storno biglietto telematico riscosso, scommessa multipla a riferimento (3012:5);
 Rettifica biglietto telematico riscosso, scommessa multipla a riferimento (3012:6).

Infine, si comunica che nell’area riservata del portale www.adm.gov.it dedicata ai concessionari è disponibile la sezione “Verifica colloqui” che consente di effettuare in autonomia la verifica del colloquio con il Totalizzatore Nazionale. Per essere abilitati ad accedere a tale sezione dovrà essere inoltrata, esclusivamente tramite PEC alla casella [email protected], una richiesta, con firma digitale, con le informazioni relative al concessionario e all’utenza da abilitare (codice fiscale e partita iva del concessionario, cognome, nome, codice fiscale e indirizzo e-mail del soggetto da abilitare).

Eventuali osservazioni, quesiti e richieste di chiarimento possono essere inviate all’indirizzo e-mail: [email protected] e, per conoscenza, a [email protected]

ALLEGATO 1

ALLEGATO 2