francia
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Nel mercato dei giochi online, la popolarità delle scommesse sportive è stata confermata ed è in costante aumento dal 2012. Questo movimento si concentra principalmente su tre discipline – calcio, tennis, basket – e si basa su una tradizione molto francese: piacere nel seguire eventi sportivi e entusiastico sostegno alle squadre o ai soggetti che svolgono alti valori legati allo sport come il superamento di se stessi, il rispetto dell’altro e il gusto dello sforzo.

Questi buoni risultati sono una soddisfazione: rafforzano il mercato regolamentato, lo rendono più protettivo per il giocatore e nel caso delle scommesse sportive, convalidano la strategia di un’offerta selettiva che limita i rischi di manipolazione.

C’è, tuttavia, una controparte che deve essere affrontata: il rischio di un concomitante sviluppo del gioco d’azzardo problematico. Per ARJEL, regolatore del gioco d’azzardo francese, la preoccupazione è costante; diventa ancora più importante in quanto il numero di giocatori si moltiplica e la posta in gioco aumenta.

Per questo, l’ARJEL lancia, in occasione del grande incontro dei Mondiali di calcio, una campagna di comunicazione sui social network per tutti gli scommettitori sportivi, principianti o più esperti.

Si tratta di brevi messaggi di prevenzione e una miniserie in cinque episodi in onda dal 15 giugno, la campagna ricorda alcune semplici regole per le scommesse affinché scommettere rimanga un gioco piacevole e senza eccessi.

Questa iniziativa di comunicazione è nel programma di mandato del presidente ARJEL Charles Coppolani, che dal 2014 ha posto la prevenzione del gioco d’azzardo eccessivo come priorità nella sua agenda. Si basa sul desiderio di suscitare consapevolezza nel giocatore per controllare meglio il rischio.

Alla vigilia del lancio della campagna, l’ARJEL spero che sarà ampiamente riportato sui social network e accoglie con favore il lavoro dell’agenzia creativa audiovisivi Goodseed Productions per la sua creatività e la rilevanza del suo lavoro.

Commenta su Facebook