Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) All’assemblea della Federazione Italiana Tabaccai a Genova: più sicurezza e meno burocrazia per chi ogni mattina apre il proprio negozio. Così il governatore della Liguria, Giovanni Toti, ha salutato i tabaccai della Fit  riuniti in assemblea a Genova.

Nel corso dell’incontro Toti ha alzato i toni ribadendo che, nelle prossime settimane, piazza De Ferrari si muoverà per congelare gli effetti della legge regionale 17 del 30 aprile 2012. “Una legge ideologica e ingiusta che abbiamo ereditato dalla precedente amministrazione” ribadisce Toti. Una legge che impone distanze minime da scuole, bamcomat e chiese per l’installazione di slot e altri giochi, il divieto di pubblicità, e dàva 5 anni di tempo agli esercenti per adattarsi. A quella scadenza – fissata al 2 maggio – manca poco e i tabaccai, ma anche i titolati di bar, edicole, ristoranti, dovrebbero essersi adeguati alla normativa. Ma in pochi lo hanno fatto.

Edoardo Rixi, assessore allo Sviluppo economico della Regione, che per primo ha promesso una proroga della scadenza, ha stimato che senza slot questo tipo di esercizi perderebbero il 30% degli incassi. “Parliamo di 3000 persone in tutta Liguria” ha detto, anch’egli al convegno della Federazione italiana tabaccai. Genova diventerebbe per oltre il 90% off limits per le slot, ha stimato Assotrattenimento.

Dalla Regione, quindi, si lavora per ritardare gli effetti della legge del 2012, possibilimente per 4 o 5 anni, più verosimilmente per almeno un anno. “Cerchiamo anche di vedere come cambierà il quadro normativo nazionale” aggiunge Toti.

“Non parliamo solo di prorogare la legge – dice Rixi – ma di modificarla, perché per esempio se il Comune di Genova decide di togliere a un esercente una fonte di reddito deve compensare quel mancato incasso con un sistema di rimborsi.

Commenta su Facebook