Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) “Quella realizzata dalla Regione Liguria su videolottery e slot è a tutti gli effetti una sanatoria che non solo calpesta anni di sacrosante battaglie di cittadini e associazioni come Libera e Papa Giovanni XXIII, ma rappresenta uno schiaffo nei confronti di tutti quei cittadini che soffrono di azzardopatia e che a causa di questa piaga sono stati messi sul lastrico e psicologicamente distrutti”.

Così il senatore ligure del MoVimento 5 Stelle Matteo Mantero.

“La proroga della legge regionale – i cui effetti sugli esercizi esistenti dovevano entrano in vigore il 2 maggio -, nei confronti delle realtà dotate di videolottery e slot machine che si trovano a meno di 300 metri da luoghi sensibili come scuole, chiese, centri anziani, palestre è un atto inaccettabile ed evidenzia ancora una volta come Toti abbia più a cuore gli interessi delle lobby dell’azzardo piuttosto che la salute dei cittadini e l’economia della Liguria. Se la legge fosse entrata in vigore, dal 2 maggio, avremmo avuto 3.500 slot in meno rispetto alle 11mila attualmente presenti nella regione. La proroga voluta da Toti, invece, permetterà a questi apparecchi di continuare a rovinare persone e famiglie. Il Presidente Toti spieghi ai cittadini i motivi per i quali fra l’interesse dei cittadini e quello delle lobby del gioco scelga senza alcun dubbio quest’ultimo”.

Commenta su Facebook