Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Con 173 voti favorevoli e 108 contrari, il Senato ha approvato in via definitiva il ddl Bilancio. La finanziaria è stata approvata senza ulteriore modifiche, quindi diventa ufficialmente legge senza la necessità di un terzo passaggio alla Camera. Gli ordini del giorno che erano stati presentati in Aula sono stati preclusi. Nel testo definitivo importanti due articoli che riguardano il comparto dei giochi.

Lotteria dello scontrino. Dal 1° gennaio 2018 i contribuenti che effettueranno acquisti di beni e servizi potranno partecipare all’estrazione a sorte di premi attribuiti nel quadro di una lotteria nazionale. Entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della manovra sarà emanato un apposito regolamento per disciplinare le modalità tecniche relative alle operazioni di estrazione, l’entità e il numero dei premi messi a disposizione. Per partecipare all’estrazione sarà necessario che i contribuenti, al momento dell’acquisto, comunichino il proprio codice fiscale all’esercente e che quest’ultimo trasmetta all’agenzia delle Entrate i dati della singola cessione o prestazione. Non solo, durante l’esame in prima lettura alla Camera è stato approvato l’emendamento Boccadutri (Pd) che prevede di “incentivare l’utilizzo di strumenti di pagamento elettronici da parte dei consumatori aumentando del 20% la probabilità di vittoria, rispetto alle transazioni effettuate mediante denaro contante, per le transazioni effettuate attraverso strumenti che consentano il pagamento con carta di debito e di credito”.

Gara per il SuperEnalotto. Con il bando di gara per il SuperEnalotto si dovrà individuare una “qualificata impresa con pregresse esperienze nella gestione o raccolta di gioco ovvero in possesso di una capacità tecnico-infrastrutturale non inferiore a quella richiesta dal capitolato tecnico, con sede legale in uno degli Stati dello Spazio economico europeo, munita di idonei requisiti di affidabilità tecnica ed economica, scelta mediante procedura di selezione aperta, competitiva e non discriminatoria”. Condizioni “essenziali” della procedura sono: durata della concessione di nove anni, non rinnovabile; selezione basata sul criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa e, quanto alla componente prezzo, base d’asta, per le offerte al rialzo, di 100 milioni di euro; versamento del prezzo indicato nell’offerta del concorrente risultato primo in graduatoria, nella misura del 50 per cento all’atto dell’aggiudicazione e della quota residua all’atto dell’effettiva assunzione del servizio del gioco da parte dell’aggiudicatario; aggio per il concessionario pari al 5 per cento della raccolta con offerta al ribasso; obbligo di aggiornamento tecnologico del sistema della rete e dei terminali di gioco secondo standard qualitativi che garantiscano la massima sicurezza ed affidabilità.

Inoltre “il Ministro dell’economia e delle finanze, con propri decreti, provvede, nell’anno finanziario 2017, all’adeguamento degli stanziamenti dei capitoli destinati al pagamento dei premi e delle vincite dei giochi pronostici, delle scommesse e delle lotterie, in corrispondenza con l’effettivo andamento delle relative riscossioni”.

E ancora “il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a ripartire, con propri decreti, per l’anno finanziario 2017, tra i pertinenti programmi dello stato di previsione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, le somme iscritte, in termini di residui, di competenza e di cassa, nel capitolo 7810 ‘Somme da ripartire per assicurare la continuità degli interventi pubblici nel settore agricolo e forestale’ istituito nel programma ‘Politiche competitive, della qualità agroalimentare, della pesca, dell’ippica e mezzi tecnici di produzione‘, nell’ambito della missione ‘Agricoltura, politiche agroalimentari e pesca’ del medesimo stato di previsione, destinato alle finalità di cui alla legge 23 dicembre 1999, n. 499, recante razionalizzazione degli interventi nel settore agricolo, agroalimentare, agroindustriale e forestale. Le somme stanziate sul capitolo 1896 dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze, destinate al CONI per il finanziamento dello sport, e sul capitolo 2295 dello stato di previsione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, destinate agli interventi già di competenza della soppressa Agenzia per lo sviluppo del settore ippico, per il finanziamento del monte premi delle corse, in caso di mancata adozione del decreto previsto dall’articolo 1, comma 281, della legge 30 dicembre 2004, n. 311, e successive modificazioni, o, comunque, nelle more dell’emanazione dello stesso, costituiscono determinazione della quota parte delle entrate erariali ed extraerariali derivanti da giochi pubblici con vincita in denaro affidati in concessione allo Stato ai sensi del comma 282 del medesimo articolo 1 della legge n. 311 del 2004″.

Quando la legge di Bilancio è stata approvata alla Camera, alcuni nodi sono stati rinviati al Senato. Ora che il referendum ha aperto la crisi di governo, l’esecutivo ha ottenuto la questione di fiducia di Palazzo Madama sulla manovra per il prossimo anno.

La necessità di licenziare il testo in tempi rapidi per poi dar seguito agli sviluppi politici ha così congelato il testo all’uscita da Montecitorio. Restano dunque punti in sospeso, a cominciare dai giochi. Tra le misure per il settore ricordiamo la proroga della scadenza per l’introduzione delle nuove slot e la riduzione del 30% degli apparecchi awp.

Secondo indiscrezioni tra i primi provvedimenti sul tavolo di un eventuale nuovo governo un decreto legge omnibus che abbraccia tutte quelle misure rimaste ‘aperte’ durante il secondo passaggio parlamentare della manovra finanziaria.

Commenta su Facebook