In Italia sono oltre 7,6 milioni i conti di gioco aperti attraverso i quali fare puntate online su scommesse o oltre tipologie di gioco. Il regolatore ha previsto un sistema di gestione e controllo delle giocate. Si tratta di un progetto che ha lo scopo di supportare l’Agenzia delle Dogane e Monopoli nell’attività di verifica dell’operato dei concessionari.


Attraverso la tecnologia viene garantito infatti un maggior controllo e monitoraggio del gioco a distanza evidenziando comportamenti anomali dei concessionari nello svolgimento del gioco e nell’utilizzo dei protocolli di comunicazione. Le modifiche delle funzionalità della intranet GAD permettono di identificare le sessioni di giochi di abilità non ancora concluse al superamento dei limiti temporali stabiliti dalla normativa, di segnalare con e-mail automatiche tali anomalie al concessionario e poter seguire il follow-up della segnalazione.


Allo stesso modo il sistema segnala ai concessionari mediante e-mail automatiche l’esito negativo del controllo di integrità software. All’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli è anche consentito di verificare la posizione debitoria dei concessionari per individuare quelli con situazioni contabili di carenza o omissione di versamento delle imposte.
Attraverso i dati registrati sul sistema di Anagrafe dei Conti di Gioco il regolatore può anche monitorare l’andamento di ogni singolo conto di gioco con l’obiettivo di contrastare il riciclaggio del denaro e prevenire comportamenti compulsivi che causano dipendenza dal gioco.

Tra i dati disponibili, relativi alle sessioni di gioco, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli dispone anche di informazioni che possono essere di interesse per altre agenzie e, nell’ottica della collaborazione e dell’interazione telematica tra pubbliche amministrazioni e forze dell’ordine, nel 2021, è stata realizzata un’applicazione che può consentire il monitoraggio diretto da parte della Guardia di finanza della banca dati Anagrafe conti di gioco, velocizzando le attività d’indagine e snellendo le attività di ADM di fornitura di dati alle forze dell’ordine.

Tutti i conti di gioco e, in particolare le movimentazioni (ricariche e prelievi) possono infatti essere messe a disposizione dell’Agenzia delle Entrate nell’ambito delle attività di analisi del rischio di evasione e controllo ai fini fiscali.

Il poker, osservato speciale

Dal 2021 sono state introdotte una serie di funzionalità specifiche per contrastare fenomeni di frodo nel poker online. Viene predisposta una base dati comprendente informazioni relative ai giocatori e alle loro attività per un periodo di quattro mesi, sulla base della quale sono stati progettati e implementati vari indicatori, che a diversi livelli cercano di scovare trend anomali nel comportamento dei giocatori ai tavoli da Poker Cash. Analizzando tutte le partite di Poker Cash che vengono disputate, è possibile esplorare coppie di giocatori con maggior numero di compresenze allo stesso tavolo. Lo scopo è quello di individuare le ricorrenze sospette nel gioco on line e analizzare quei giocatori che prendono parte a tavoli da poker con più di un conto di gioco intestato.

Attraverso altre analisi sui dati di gioco è possibile anche classificare i giocatori e assegnando loro un coefficiente di rischio che fornisce la base per ulteriori analisi. In questo modo gli analisti dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli possono di esplorare liberamente i collegamenti e i comportamenti tra i diversi giocatori. Questa analisi rappresentano un valido supporto anche nel contrasto al riciclaggio di denaro. La piattaforma di recente è stata arricchita di un nuovo indicatore finalizzato proprio all’identificazione delle giocate frazionate e ripetute al fine di eludere la normativa sull’antiriciclaggio.

Articolo precedenteScommesse calcio, Mondiale: Spagna-Germania, bis di Luis Enrique a 2,35. Argentina spalle al muro, il riscatto col Messico vale 1,55 su Snai
Articolo successivoIGT, giovedì il seminario “Le sfide del gaming in Italia tra sostenibilità e innovazione”