Il blocco delle lotterie e delle scommesse a causa del Coronavirus sta causando una perdita di decine di milioni al giorno. In Europa il comparto delle lotterie e delle scommesse registra un calo fino al 30 per cento.

L’Europa, che fino a poco tempo fa era l’epicentro della pandemia di COVID-19, ha visto una serie di blocchi e chiusure di imprese nelle ultime due settimane.

Circa un quarto delle lotterie dei membri della Associazione Mondiale delle Lotterie (WLA), in tutto il continente, riferiscono che le loro reti al dettaglio sono al momento chiuse, volontariamente o per ordine del governo; le lotterie che gestiscono VLT, slot machine e casinò sono state direttamente colpite dai vari blocchi delle attività.

Per le lotterie che non sono interessate da chiusure e sospensioni, i tradizionali giochi basati sul sorteggio sono ancora in funzione, soggetti a rigide garanzie; le reti di punti vendita continuano ad operare ;  i biglietti della lotteria istantanea sono ancora disponibili. Per tutte le lotterie dei membri del WLA in Europa, le attività di scommesse sportive sono state seriamente influenzate dal rinvio e dalla cancellazione dei principali eventi sportivi internazionali. D’altro canto, le vendite online continuano a essere pienamente operative in generale. Nel complesso, le stime iniziali suggeriscono che il volume delle entrate è diminuito su tutta la linea dal 15% al ​​30% anche nelle giurisdizioni in cui le lotterie rimangono aperte e le reti dei punti vendita rimangono intatte. Laddove le lotterie sono chiuse e le attività sospese, i ricavi sono diminuiti del 95% o più in generale. E’ quanto stima la stessa associazione nell’ultimo report.

In Francia, Francaise des Jeux (DFG) ha affermato che per ora circa l’80% dei suoi punti vendita al dettaglio è autorizzato a rimanere aperto nel quadro del blocco ordinato dalle autorità francesi per combattere la diffusione del coronavirus. L’operatore prevede una perdita complessiva di circa 192 milioni di euro di ricavi, inclusi 72 milioni di euro dal suo segmento verticale della lotteria, che rappresenta l’80% dei ricavi del gruppo. Per le scommesse sportive, che rappresentano la maggior parte delle entrate rimanenti, stima perdite di 120 milioni di euro e circa 50 milioni di euro di utili core dell’EBITDA, come le cancellazioni di molti eventi sportivi, tra cui il torneo di calcio UEFA Euro 2020 e gli Open di Francia , si prevede che si tradurrà in un forte calo delle scommesse nel corso del 2020;

I timori di FDJ sul calo delle vendite della sua lotteria verticale si sono materializzati nel sorteggio di EuroMillions del 24 marzo 2020. Il sorteggio a metà settimana del gioco multi-giurisdizionale ha visto solo 9,9 milioni di giocate in Europa, registrando cifre di partecipazione tra i peggiori nella storia di 16 anni del gioco. Rispetto a un normale sorteggio del martedì sera, la partecipazione è stata complessivamente in calo del 46% circa, riflettendo l’impatto delle chiusure della lotteria e dei blocchi in tutta Europa. Anche nel Regno Unito, che è stato chiuso relativamente tardi, la partecipazione è diminuita di un terzo, mentre in Francia, dove chioschi e tabaccherie rimangono aperti, la riduzione è stata del 40%. I sorteggi di EuroMillions sono attualmente previsti come di consueto fino al 14 aprile 2020; non sono state ancora prese decisioni sulla sospensione del gioco o sulla modifica della matrice del gioco.

Per quanto riguarda le corse dei cavalli, quasi tutte le attività ippiche sono cessate in Europa; attualmente solo la Svezia (corsa al trotto) continua a organizzare eventi a porte chiuse. Il membro della lotteria della WLA, Pari-Mutuel Urbain, è stato particolarmente colpito dalla chiusura di tutti gli eventi in Francia, poiché le scommesse sulle corse dei cavalli rappresentano circa l’85% delle sue entrate.

Il 16 marzo 2020 il governo spagnolo ha dichiarato lo stato di emergenza , a tutti i 47 milioni di cittadini del paese è stato ordinato di rimanere in casa per almeno due settimane, tranne le uscite per comprovate necessità. In risposta, gli operatori spagnoli della lotteria Sociedad Estatal Loterías y Apuestas del Estado (SELAE) e Organización Nacional de Ciegos Españoles (ONCE) hanno sospeso le vendite di tutti i giochi della lotteria nel paese. È stato inoltre sospeso il rimborso di premi di valore nominale inferiore a 2.000 EUR. La Spagna, insieme all’Italia, è stata tra i paesi più colpiti in Europa per COVID-19 su base pro capite.

In Italia, SuperEnalotto (Sisal), Lotto (Lottomattica) ed Eurojackpot si sono fermati completamente, anche per i giocatori online. Il 22 marzo 2020, il governo italiano ha ordinato la chiusura di tutte le tabaccherie e l’arresto di tutte le slot machine nei negozi in tutta Italia come parte delle sue misure di quarantena. Come in Francia, le tabaccherie restano ancora aperte e le lotterie e i gratta e vinci ancora disponibili in tutto il paese. In risposta alla crisi, in particolare nel nord Italia, il governo ha deciso di chiudere le porte di tutti i negozi e luoghi “non essenziali”. Le perdite degli operatori di gioco italiani dovrebbero arrivare a decine di milioni di euro al giorno.