Il settore dei giochi e delle scommesse si conferma tra quelli in assoluto più controllati. A certificarlo è l’ultimo report sulla attività nel corso del 2021 dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Tutti gli indicatori relativi alle attività portate a termine nell’ambito del gioco pubblico sono risultati maggiori del target inizialmente fissato. Così, ad esempio, il numero dei controlli sugli esercizi pubblici all’interno dei quali risultato installate le slot è risultato superiore a quello inizialmente fissato.

Per quanto riguarda il “Tasso di positività dei controlli nel settore giochi relativamente alle scommesse e apparecchi da intrattenimento”, il risultato conseguito nel corso del 2021 è stato pari al 28,1% con un target del 10% ed è stato ottenuto effettuando un numero di controlli pari a 15.369 che hanno condotto a 4.309 casi positivi. Ovviamente si parla di irregolarità non tutte riferibili ad apparecchi irregolari.

Nel settore dei giochi, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha ulteriormente sviluppato il sistema di monitoraggio dell’offerta di gioco legale attraverso l’integrazione con i sistemi delle altre Autorità coinvolte; ciò al fine di verificare l’andamento dei volumi di gioco e la relativa distribuzione sul territorio nazionale, con particolare attenzione alle aree più soggette al rischio di concentrazione di giocatori affetti dal disturbo da gioco d’azzardo.

Al contempo, è stata rafforzata l’attività di contrasto e repressione del gioco illegale, tramite il coinvolgimento del Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale (Co.Pre.Gi.), anche attraverso l’utilizzo di strumenti di indagine quali l’«agente sotto copertura» per le operazioni di gioco a fini di controllo previste dalle recenti riforme, e lo sviluppo di banche dati qualitative in grado di fornire indici di rischio degli operatori e consolidando la collaborazione con le istituzioni competenti in materia di antiriciclaggio e flussi finanziari.

In particolare, nel 2021 è stata realizzata l’App “Gioco Legale” per il contrasto al gioco illegale e per la promozione del gioco legale e responsabile. 

Anche grazie alla cooperazione con le forze dell’ordine, sono stati effettuati controlli sul rispetto del divieto di gioco ai minori con particolare riferimento al controllo sugli ingressi negli esercizi e sugli apparecchi muniti di meccanismi idonei ad impedire ai minori di età l’accesso al gioco, quali il corretto funzionamento di quello finalizzato all’utilizzo della tessera sanitaria.

Nel 2021 sono stati effettuati 12.730 controlli, con un incremento del 36,7% rispetto al 2020 (9.315 controlli), in esercizi commerciali situati in prossimità di luoghi sensibili e sono stati contestati 6 illeciti ai sensi dell’art. 7, comma 9, D.L. 158/2012. Si tratta di una percentuale dello 0,04%.

 Il “Numero di verifiche delle piattaforme di gioco on line, dei sistemi di gioco VLT, Bingo e scommesse e numero dei controlli sui criteri e sui processi eseguiti dagli Organismi di certificazione dei sistemi di gioco VLT” pianificato per l’anno (15) è stato realizzato.   Si tratta di 15 piattaforme controllate sulle 15 esistenti.

Infine, nel corso del 2021, sono stati inibiti 298 siti web illegali a fronte di un target pianificato di 250. Di questi, 198 riguardano offerte di gioco illegale

Il target prefissato per l’indicatore “Indice di presidio nel settore dei giochi relativamente agli esercizi che effettuano la raccolta delle scommesse e/o dotati di apparecchi da divertimento ed intrattenimento” pari al 12% è stato pienamente conseguito con un risultato pari al 20,1%. In particolare, su 64.651 esercizi censiti, ne sono stati controllati 13.013. 

                              Controlli nel settore dei giochi

Tipologia controllo20202021
Controlli su apparecchi9.32213.227
Controlli su scommesse1.7752.142
Controlli su altri ambiti (Lotto, Lotterie, Enalotto, Bingo)8.9708.078
Controlli sul gioco on line84115
Totale20.15123.562
Numero dei controlli per tipologia di gioco

L’indicatore “Controlli sulla regolarità dei versamenti dei canoni concessori previsti in convenzione, effettuati dai concessionari, entro 30 gg dal versamento (Settore giochi)” è stato superato, nel corso dell’anno conseguito, in quanto a fronte del 95% fissato come target, è stato controllato il 100% dei versamenti effettuati.  Gli introiti accertati da ADM nel 2021, suddivisi per settore di competenza, posti a confronto con gli analoghi risultati conseguiti nel biennio precedente

                                                2019           2020         2021

Giochi11,47,28,4

Per quanto concerne il settore dei giochi, il protrarsi della pandemia, come fa sapere la stessa Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, ha comportato la chiusura dei locali anche nel primo semestre 2021, circostanza che, oltre a provocare una grave crisi nel settore, ha fatto sì che i giocatori, impossibilitati a recarsi nelle agenzie, si orientassero maggiormente verso il gioco on-line che, pertanto, ha visto incrementare i propri volumi.

Per quanto riguarda la “Raccolta”, ovvero il totale delle somme giocate in una certa unità di tempo, nel 2021, il volume complessivo è stato di 110,88 miliardi di euro con un incremento del 25,5% rispetto all’anno precedente. La “Spesa” per il gioco – che corrisponde al ricavato (o “Volume d’affari”) della filiera ottenuto sottraendo le “Vincite” realizzate nel periodo (95,5 miliardi di euro) dalla “Raccolta” – nel 2021 è stata pari a 15,42 miliardi di euro, con un incremento del 17,95% rispetto al precedente anno.

Il 2021 ha fatto registrare un incremento di oltre il 16% rispetto al 2020 in tema di entrate erariali del settore giochi a fronte di un aumento della spesa dei giocatori di circa il 18% rispetto allo stesso anno.

raccolta e spesa giochi 2021. fonte ADM

Nell’ambito della Convenzione sottoscritta nel 2015, ADM sta cooperando con la DNA per rilevare le infiltrazioni di interessi patrimoniali della criminalità organizzata nel settore dei giochi e delle scommesse. Le attività hanno riguardato la definizione di un modello di analisi mirata delle anomalie, per l’individuazione di aziende attive nel settore dei giochi e delle scommesse in grado di operare quali soggetti interposti, allo scopo di riciclare ingenti flussi finanziari. Sono state finora analizzate 40 posizioni soggettive per un controvalore stimato dei proventi illeciti pari ad almeno 9,9 milioni di euro.

Articolo precedenteGiochi. La spesa degli italiani nel 2021: +37% per i casinò online, slot a livelli pandemia. Tutti i dati
Articolo successivoSN4IFUN official partner di “Red Bull Summer Vibes”