Print Friendly

(Jamma) – Consuntivo e aspettative. Questi in sintesi i contenuti della prima consultazione per il Barometro delle imprese del gioco lanciata da Jamma.it in collaborazione con l’Osservatorio Internazionale del Gioco – Università di Salerno.

Si tratta di una indagine condotta su un campione di imprese del comparto del gioco pubblico veicolata attraverso i lettori della rivista specializzata che dal 2001 registra umori e tendenze dell’industria di settore.

“L’iniziativa – afferma Ornella De Rosa, Presidente dell’Osservatorio – si prefigge di registrare il clima di fiducia nel settore in un momento caratterizzato da incertezze normative e regolamentazioni penalizzanti. L’imprenditore, anche in queste circostanze, deve saper fare delle scelte. Scelte che, dalle prime risultanze del questionario, non prevedono investimenti in nuove acquisizioni. Al contrario, la tendenza sarebbe quella di fare ‘rete d’impresa’, associarsi anche con aziende prima concorrenti per affrontare meglio le incertezze del momento”.

La crisi, infatti, non sembra scoraggiare più di tanto gli imprenditori di un settore caratterizzato da aziende ‘storiche’, di tradizione famigliare e che proprio per questo difficilmente vengono cedute. Malgrado una piccola percentuale di indecisi la maggioranza di loro non intende valutare l’ipotesi di vendere l’attività.

Differenziare l’attività

Un segnale positivo arriva come soluzione al problema ‘crisi’. Una schiacciante maggioranza degli intervistati ritiene che una buona opportunità potrebbe essere quella di diversificare l’offerta di gioco, contro un eguale, ma piccolo, numero di indecisi e contrari.

Interessante anche la valutazione che le imprese di settore fanno del provider-concessionario, ovvero il soggetto che hanno scelto (vedi il caso di scommesse e slot) come fornitore di servizi per il gioco. La maggioranza infatti non sta valutando e non valuterà di cambiare provider, qualcuno non sa e un esiguo numero di intervistati opta per il sì.

Confidiamo nella collaborazione delle imprese (gestori di slot, esercenti di sale scommesse e sale giochi, Bingo). L’affidabilità dell’indagine dipende anche dalla partecipazione del maggior numero possibile di aziende.

Per partecipare al sondaggio cliccare su: Barometro del gioco pubblico

Commenta su Facebook