La Giunta comunale di Venezia, riunitasi oggi, ha licenziato, su proposta dell’assessore al Bilancio Michele Zuin, la proposta di variazione di bilancio per la successiva approvazione del Consiglio, entro il termine ultimo del 30 novembre.

“La manovra di novembre – spiega Zuin – prevede le seguenti principali movimentazioni: in primis vengono iscritte maggiori spese per consumi per circa 4,2 milioni, interamente coperti da contributo statale assegnato per tale tipologia di spese e ad oggi non utilizzato. Con tali stanziamenti, i maggiori oneri per utenze stanziati da inizio anno ammontano a circa 16 milioni pari a + 145% rispetto ai circa 11 milioni che venivano spesi nel periodo pre crisi energetica. Di questi 16 milioni solo 5 sono stati coperti dallo Stato. Vengono iscritte maggiori entrate da gioco (Casinò) per 17,5 milioni di euro, con un beneficio per il bilancio, al netto quindi del compenso alla società e delle imposte SIAE, per circa 2,2 milioni di euro. L’attuale trend porta ad incassi per circa 100 milioni su base annua, valore più elevato dal 2014 in poi dimostrando così i frutti di un impegno da parte dell’Amministrazione comunale nel valorizzare e investire nella Casa da Gioco. Per quanto riguarda i “derivati”, con riferimento alle conseguenze della sentenza di primo grado emessa il 14.10.2022 a Londra nella causa su un derivato comunale che ha sancito la nullità dei contratti, vengono ridotti i flussi negativi che il Comune avrebbe dovuto pagare a dicembre per un importo di euro 2,3 milioni; vengono poi iscritte ulteriori spese per spese legali per 1 milione per le ulteriori fasi del giudizio di primo grado. In esito ad un contenzioso avviato a seguito della vendita dell’Ospedale al Mare viene stanziato l’importo di 3,7 milioni per la chiusura del contenzioso stesso utilizzando appositi fondi accantonati a bilancio.

Per la parte investimenti, si segnala un pacchetto di quasi 40 milioni di euro per nuovi investimenti in città. La parte più consistente, pari a circa 28 milioni, riguarda interventi su edilizia abitativa con i fondi del Superbonus per la sistemazione della Case Rosse al Lido e quelle al Rione Pertini. Si procede poi con uno stanziamento di 3,9 milioni nel 2023 per la pista ciclabile del Lido, necessari per completare il percorso ciclabile da Lido a Pellestrina. Sono poi stanziati 90.000 euro per un intervento di sistemazione del monumento sulla P.zza di Chirignago e 170.000 euro per la sistemazione dei giochi presso il parco di Piraghetto. Viene poi previsto uno stanziamento di 1,2 milioni per l’acquisto di uffici presso la Carbonifera di Mestre, oggi utilizzati in affitto. Vengono anche recepiti fondi PNRR per 4,4 milioni, con quota di cofinanziamento comunale di 700.000 euro, per interventi sui nidi comunali. Vengono infine iscritti circa 1,5 milioni per maggiori costi su opere da realizzare. Una variazione che dimostra, numeri alla mano, l’impegno che questa Amministrazione, assieme al contributo delle varie Municipalità, sta mettendo non solo per tenere i conti in ordine ma anche per dare risposte puntuali ai cittadini, attraverso importanti investimenti”.

Articolo precedente“Slow Life – Slow Games: gioca al ritmo giusto” fa tappa a Piombino (LI)
Articolo successivoEuropa e Conference cariche d’oro: un giocatore si porta a casa oltre 47mila euro grazie a 22 risultati indovinati