slot

“Ho incontrato sabato l’amico Ioculano per approfondire al meglio la questione. Sul problema delle ludopatie bisogna intervenire. Dovrebbe essere lo Stato a fare una legge per regolamentare l’utilizzo delle slot, ma mi sembra un po’ complicato. Mi sembra che per lo Stato è prioritario avere incassi da questi fenomeni. Ma il vero problema è che quello che si guadagna da una parte, poi si spende con i servizi sociali dall’altra”.

E’ quanto dichiarato dal sindaco di Vallecrosia (IM), Armando Biasi.

“Il nostro obiettivo è, quindi, quello di applicare l’ordinanza,” conferma il primo cittadino di Vallecrosia. “Dobbiamo – continua Biasi – valutare i profili amministrativi e, prima di firmare l’ordinanza, contattare chi in città vive anche attraverso le macchinette. Ho ascoltato alcune opinioni sia a favore, sia contro. Rimane purtroppo sempre il discorso del ‘proprio giardino’: ognuno osserva il proprio punto di vista non considerando il bene comune”.

“Se la ludopatia è un fenomeno da sconfiggere, o almeno circoscrivere, bisogna fare le cose bene. Innanzitutto mettendo in rete tutti i Comuni della Provincia e poi vietando l’accensione delle slot durante l’arco di tutta la giornata. Un sindaco non può girarsi dall’altra parte,” conclude Biasi.

Commenta su Facebook