valle d'aosta

Il Consiglio Valle, nella seduta del 10 dicembre 2018, ha approvato all’unanimità la proposta di legge che modifica i termini per l’applicazione delle misure di prevenzione e di contrasto alla dipendenza dal gioco d’azzardo di cui alla norma regionale n. 14 del 2015.

Cosa prevede la legge.

In un’ottica dunque di prevenzione e di contrasto ai fenomeni di dipendenza si inserisce questa proposta di modifica alla legge regionale 15 giugno 2015, n. 14. La modifica, che si compone di un unico articolo, si prefigge di anticipare i termini, previsti all’articolo 12, comma 1, per l’applicazione delle misure di prevenzione previste all’articolo 4, commi 1 e 2, della stessa e che prevedono che nel territorio regionale sia vietata l’attività delle sale da gioco in un raggio di 500 metri da istituti scolastici e strutture culturali e sociali, anticipando l’entrata in vigore che altrimenti sarebbe diventata operativa nel 2023 e nel 2020, anticipando così i termini rispettivamente, al 1° giugno 2019 e al 1° gennaio 2019.

Presentato dai gruppi consiliari Lega Vallée d’Aoste, Movimento 5 Stelle, Mouv’, Impegno Civico, ALPE e sottoscritta dalla Consigliera Rini (GM), il provvedimento legislativo è stato illustrato in Aula Capogruppo della Lega VdA, Andrea Manfrin. «Questa proposta di legge – ha detto Manfrin – si incardina in un percorso legislativo che, in tutta Italia, ha visto le Regioni schierarsi a fianco di chi combatte la dilagante piaga della ludopatia, dai malati di gioco d’azzardo patologico alle associazioni. Il fenomeno che si intende combattere è particolarmente insidioso e ha assunto in questi ultimi anni dimensioni sempre più allarmanti, tanto da poter essere considerato a tutti gli effetti una vera e propria piaga sociale. La Valle d’Aosta, così come la totalità delle altre regioni, non è immune dalla patologia citata e proprio per questo si è reso necessario un intervento normativo di tutela e contrasto attuato con l’approvazione all’unanimità della legge regionale n. 14 del 2015, che oggi proponiamo di modificare.»

«Una delle principali misure introdotte dalla legge del 2015 – ha proseguito il Consigliere Manfrin – è stata quella dell’imposizione delle distanze delle strutture per l’esercizio del gioco d’azzardo dai luoghi sensibili del territorio regionale, ovvero il rispetto di una distanza di 500 metri di raggio da istituti scolastici e strutture culturali e sociali. Detto limite, però, già in vigore per le attività di nuova apertura, era stato vincolato, per quelle già operanti, alle date del 2023 per quella a esercizio prevalente, e al 2020 per quelle a carattere secondario. La proposta che sottoponiamo all’attenzione dell’Aula, modificando le disposizioni transitorie, interviene anticipando i termini rispettivamente al 1° giugno 2019 e al 1° gennaio 2019, e introducendo un nuovo metodo di misurazione delle distanze, non più per mezzo del percorso pedonale più breve, ma tramite il raggio dai luoghi sensibili, più facilmente misurabile.»

La Consigliera Patrizia Morelli ha precisato: «ALPE ha sostenuto convintamente il disegno di legge illustrato dal Consigliere Manfrin e aveva già contribuito alla stesura della legge 14/2015 che aveva posto la nostra Regione all’avanguardia e in una situazione di preveggenza rispetto ad altre realtà. Votarla oggi è quanto mai opportuno, la proposta successiva di UV e UVP è ulteriormente migliorativa e ci porrà in una situazione di contrasto ancora più incisivo rispetto a una piaga purtroppo presente anche in valle d’Aosta.»

Le Conseiller de l’UV Augusto Rollandin a parlé «d’un phénomène très grave. Toute personne peut s’approcher des slots machines dans les bars et jouer: il s’agit là d’un thème qui impacte fortement sur la diffusion de la ludopathie. C’est pourquoi nous avons déposé une proposition de loi afin d’interdire l’ouverture de nouveaux espaces consacrés au jeu: une proposition qui a reçu l’approbation de toutes les communes, car le problème est en train de se diffuser de façon préoccupante. Cela dit, nous sommes d’accord avec ce texte, car il anticipe les délais concernant le respect des distances, en améliorant ainsi la loi régionale de 2015.»

Il Capogruppo del Gruppo Misto, Claudio Restano, annunciando il voto favorevole al provvedimento ha ricordato: «La legge regionale n. 14/2015 ha visto ampie discussioni in Commissione e poi in Aula, prima di essere approvata all’unanimità.  Oggi votiamo convintamente questa nuova legge.»

L’Assemblea ha poi respinto, con 18 voti contrari e 15 a favore, l’iscrizione di un ordine del giorno collegato alla proposta di legge e depositato dai gruppi Mouv’ e Lega VdA riguardante il Casinò de la Vallée.

Commenta su Facebook