“Bisogna trovare il giusto rapporto di equilibrio tra l’applicare restrizioni all’offerta di gioco, per via dei danni che questa può provocare – puntando ad esempio su un taglio degli apparecchi -, con il fatto di impedire la diffusione dell’illegale, che come ormai noto prolifera quandi si adottano politiche esclusivamente proibizionistiche”.

Lo ha detto in collegamento video con l’Università di Salerno il sottosegretario al Mef, Pier Paolo Baretta dopo aver ricevuto il Premio Giuseppe Imbucci.

“Non c’è alternativa – ha concluso -. Abbiamo bisogno di comletare la riforma, l’abbiamo iniziata ma non è stata conclusa. E’ evidente oggi l’urgenza di completare questo itinerario”.