Nel 2022 gli operatori di gioco hanno versato oltre 40 milioni di imposte. Nel 2022 più di 700 domande per una concessione di gioco.

Nel corso del 2022 l’ente di regolazione ucraino per il gioco d’azzardo ha ricevuto 667 richieste per il rilascio di licenze nel campo delle attività legate all’organizzazione e allo svolgimento del giocoa vincita.

Sulla base dei risultati dell’esame delle domande presentate è stato deciso di rilasciare 603 licenze delle quali:

  • 3 licenze per organizzare e condurre attività di gioco d’azzardo nei casinò su Internet;
  • 4 licenze per organizzare e svolgere attività di bookmaker;
  • 3 licenze per fornire servizi di gioco d’azzardo;
  • 593 licenze di slot machine.

Per 63 domande è stato deciso di rispondere negativamente :

  • licenza per l’organizzazione e lo svolgimento di attività di gioco d’azzardo nelle sale slot machine 2;
  • autorizzazione alla prestazione di servizi nel settore del gioco d’azzardo  1;
  • licenza slot machine 60.

Queste decisioni sono state prese perché le dichiarazioni di cui sopra contenevano errori. 

Il 50% per cento circa delle licenze e permessi è stato rilasciato durante la legge marziale.

A fine di quest’anno, già nel mese di dicembre, sono state rilasciate due nuove licenze per l’organizzazione e lo svolgimento del gioco d’azzardo. Nel corso del 2022 anche sotto la legge marziale, gli organizzatori del gioco d’azzardo hanno aperto nuove sedi, ampliato le loro attività e ricevuto nuove licenze. Per il nuovo anno 2023 si prevede una maggiore attività da parte degli operatori del mercato.

La Commissione ha detto anche di aver destinato oltre 40 milioni di euro circa al bilancio statale dell’Ucraina. Secondo il direttore Ivan Rudohy la Commissione continua ad attuare misure volte a garantire il pagamento tempestivo delle tasse di licenza da parte degli organizzatori del gioco d’azzardo, che a sua volta porta “entrate dirette” allo Stato dal settore del gioco d’azzardo.

“L’azienda non si arrende: con l’adeguamento alle chiusure permanenti, le misure per il trasferimento degli stabilimenti di gioco, ma con il suo contributo significativo alla vittoria dell’Ucraina, riprende il lavoro. La commissione continua a promuovere l’adattamento degli organizzatori del gioco d’azzardo alle condizioni odierne e il miglioramento del clima degli investimenti nel paese al fine di rafforzare il fronte economico dell’Ucraina”, ha affermato Ivan Rudy.

La Commissione si è detta grata agli organizzatori di giochi d’azzardo per ogni licenza pagata.

Articolo precedenteDeterminazione ADM e prelievo dello 0,5% sulle scommesse: oggi la riunione della sezione AsTro Gads
Articolo successivoVia libera ai lavori per creare standard europei sul gioco online responsabile