Allo studio un contributo a fondo perduto per il settore dell’accoglienza, strutture ricettive, divertimento e porti turistici coniugando la strada dell’efficientamento energetico a quella del sostegno diretto. Sono queste alcune delle misure allo studio del ministero del turismo, guidato da Massimo Garavaglia (nella foto) e che saranno presentate oggi durante l’incontro che si terrà a Pordenone presso la sede provinciale della Lega, per Salvini premier. Lo riporta Italiaoggi.it.

Oggi per il settore turistico si tratta di percorrere la strada del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Il piano mette a disposizione del settore del turismo circa 2 mld e 400 mln. L’idea è quella di utilizzare il contributo a fondo perduto vincolandone l’impiego verso interventi di efficienza energetica.

Una percentuale dei fondi, dunque, dovrà essere destinata a migliorare l’aspetto delle strutture. Ci sarà anche un tetto all’erogazione e la disciplina dovrà essere autorizzata da Bruxelles per evitare di incappare in censure di aiuti di stato.