Nel pomeriggio del 26 luglio 2022 è proseguita in Consiglio provinciale di Trento la discussione generale in merito al ddl 157 riguardante l’assestamento del bilancio di previsione della Pat per il triennio 2022-2024.

Futura Trentino, per tramite dei sui rappresentanti in Consiglio, ha fortemente criticato le scelte della Giunta Fugatti che, a loro avviso, manca ancora una volta il suo compito: non una manovra per far fronte alle sfide dell’oggi – dalla conversione ecologica alla transizione demografica alla riorganizzazione dei sistemi socio-sanitari.

Con Paolo Zanella Fellin, Futura ha presentato una serie di emendamenti e ordini del giorno per investire risorse in queste sfide e non in annunci e promesse di piccolissimo cabotaggio.

Ha quindi esortato a votare contro gli emendamenti presentati da Forza Italia e Fratelli d’Italia per prorogare la scadenza del 12 agosto prevista dalla legge provinciale del 2015 e che prevede la chiusura delle sale da gioco distanti meno di 300 metri dai luoghi socialmente più sensibili per combattere la ludopatia.

“No alla proroga all’entrata in vigore della legge sulla ludopatia promossa dai consiglieri Cia e Leonardi che vogliono, così, non far chiudere le sale gioco vicine ai punti sensibili”, ha detto Zanella Fellin.

Articolo precedenteLotto e 10eLotto, le vincite del 26 luglio
Articolo successivoLucca. Controlli della GdF su adempimenti antiriclaggio: intrventi nei confronti di una impresa di servizi di gioco