ludopatico azzardo gap
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Si è svolta la sera del 14 agosto all’ex pista Onesti di Barga una manifestazione No Slot. Una serata per parlare di possibili soluzioni contro il gioco di azzardo patologico grazie all’organizzazione della parrocchia di Barga con la collaborazione di Comune, Asl, Pro Loco, Arcidiocesi di Pisa e associazione Aedo.

In mezzo alle note della Manolo Strimpelli Nait Orkestra si sono susseguiti gli interventi dello psichiatra Mario Betti, del responsabile del Serd della Valle del Serchio Dino Lombardi e della consigliera regionale, membro dell’osservatorio regionale sulla ludopatia, Ilaria Giovannetti.

Giovannetti, in particolare, ha parlato del piano regionale di contrasto al gioco d’azzardo che ha stanziato più di 3 milioni di euro per campagne informative con il logo No slot che permetteranno di avere sgravi fiscali a chi negli esercizi commerciali decide di non avere slot, un numero verde attivo da settembre per sostenere le famiglie ed i malati, campagne di formazione per medici, esperti di settore, insegnanti, ragazzi e genitori e progetti per i territori, per i Comuni, promozione di incontri e convegni e infine progetti di sperimentazione per nuove forme di aiuto e riabilitazione.

Commenta su Facebook