Filippo Torrigiani, consulente della Commissione Parlamentare Antimafia e consulente nazionale del Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA) ha espresso la sua idea in merito alle motivazioni dell’aumento del gioco online.

“Un successo che si deve, da un lato, al miglioramento delle connessioni internet sia fisse che mobili, dall’altro al maggiore payout, il ritorno in vincita, che nel gioco d’azzardo online è al 90%. Se facessimo un computo tra ciò che rimane, al netto delle vincite e della filiera del gioco, e considerassimo il valore reale del contrasto all’illegalità e della cura della dipendenza, sono convinto che il segno sarebbe negativo”.

Torrigiani ripropone anche alcune soluzioni per limitare il gioco patologico, in particolare in relazione ai minori. “Da anni chiedo che ci si possa accostare a qualunque tipologia di gioco mediante l’utilizzo del codice fiscale o della tessera sanitaria, per bloccare innanzitutto l’accesso ai minori e poi per avere la tracciabilità dei flussi finanziari”.