“Da 24 ore sono finito in una polemica che a mio avviso considero inutile e fuori luogo. Creata da chi, artatamente, approfitta di post sulla mia pagina Facebook personale solo per alimentare inutili pettegolezzi, accuse offensive e alimentare una campagna di odio verso il sottoscritto e l’amministrazione che rappresento”.

A parlare, è Aldo Ruggiero, assessore a Cultura, Pubblica Istruzione e Sport del Comune di Torre Annunziata, in merito alla scommessa pubblicata da Ruggiero sul suo profilo Facebook.

“Proprio per questo ho deciso di denunciare questo ultimo episodio, tutti gli altri precedenti e quelli che seguiranno, alle autorità competenti. Non l’ho mai fatto ma, quando si supera la linea di demarcazione tra sfera personale e professionale, credo che si debba necessariamente prendere provvedimento”.

Poi aggiunge: “Sono da sempre rispettoso dei ruoli e della professionalità di tutti, ma la misura è colma e anche le offese. Non sono contro il giudizio critico e costruttivo, ma sono invece contro chi alimenta campagne di odio gratuite e sempre più spesso senza alcun fondamento solo per il gusto primitivo di diffamare”.

In merito alla vicenda della scommessa sportiva, l’assessore Ruggiero chiede “scusa a chi ha potuto pensare che il mio post ironico e goliardico, relativamente ad una vincita per una scommessa sportiva, rappresentasse una campagna a favore del gioco, ancor peggio quello d’azzardo e fuorilegge. Mi spiace che questo post abbia potuto mettere in cattiva luce il mio operato e quello dell’intera amministrazione comunale. Approfitto per comunicare che la mia vincita sarà devoluta per una campagna contro il gioco d’azzardo patologico all’interno delle scuole”.