Svezia. E’ prevista per giovedì la riunione tra il governo svedese e i 64 operatoi di gioco d’azzardo. Il ministro svedese della pubblica amministrazione Ardalan Shekarabi ha convocato rappresentanti del settore del gioco d’azzardo per parlare della pubblicità sul gioco d’azzardo.

“Il popolo svedese è stanco del marketing estremamente aggressivo, della pubblicità sfrenata”, ha detto il ministro in una intervista televisiva. “Se l’industria non è in grado di assumersi la responsabilità e moderarsi nella pubblicità del gioco d’azzardo, non esiterò ad adottare misure più severe “.

Il 1 gennaio 2019, la Svezia ha introdotto una nuova legge sul gioco d’azzardo per regolamentare il settore. L’atto richiede, tra le altre cose, che tutte le società di gioco d’azzardo che operano in Svezia siano titolari di una licenza e che debbano garantire che i giochi d’azzardo siano limitati.

L’atto proibisce inoltre alle società di gioco d’azzardo il marketing diretto alle persone. Più di 20.000 persone in Svezia si sono auto-registrate per essere escluse dall’accesso ai siti online, ma il ministro ha notato che queste regole non sono state rispettate a tutti i livelli.

Mentre la nuova legge sul gioco d’azzardo include misure per imporre l’osservanza e penalizzare i trasgressori, il ministro non ha escluso l’inasprimento della legislazione, se necessario.

La Swedish Trade Association for Online Gambling (BOS), che rappresenta 19 dei 69 operatori del gioco d’azzardo in licenza del paese, accoglie con favore l’inasprimento della legislazione.

“Accogliamo con favore le misure più severe, perché in questo momento, purtroppo, ci sono segnali opposti : più si è attenti come società di gioco, più si perdono quote di mercato”, ha detto il segretario generale del BOS, Gustaf Hoffstedt.

“Abbiamo appena ricevuto le statistiche dell’anno scorso, che mostrano come tra i 20 maggiori acquirenti di annunci , 6 siano società di gioco, quindi c’è troppa pubblicità sul gioco d’azzardo, non c’è dubbio”, ha detto Hoffstedt.

Secondo il governo svedese, le società di gambling titolari di licenza investono fino al 45% delle loro entrate nel marketing. Dal 2016 al 2018, la spesa pubblicitaria totale è quasi raddoppiata, da 3,8 miliardi di corone svedesi (417,17 milioni di dollari statunitensi) a 7,4 miliardi di corone svedesi (812,29 milioni di dollari statunitensi). Circa la metà delle pubblicità è per i casinò online.

Commenta su Facebook