stocker
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) Nel caso in cui la richiesta non fosse stata accolta la Provincia di Bolzano non avrebbe aderito all’intesa. “Questo accordo va considerato un vero e proprio successo – sottolinea l’assessora provinciale alla sanità ed alle politiche sociali, Martha Stocker. “Ci siamo impegnati affinché venisse assicurata una maggiore tutela della popolazione nei confronti del gioco d’azzardo ed in questo modo siamo in grado di proteggere maggiormente i giovani e le fasce potenzialmente più minacciate dalla ludopatia”.

Nel 2012 la Giunta provinciale ha identificato determinate zone sensibili, ad esempio nei
pressi delle scuole, ed ha quindi vietato l’apertura di sale giochi o di analoghe strutture in un raggio di 300 metri da questi edifici.

“Grazie al testo approvato oggi queste decisioni potranno essere adottate anche in futuro nelle Regioni e nelle Province autonome”, ha aggiunto la Stocker.

 

Commenta su Facebook