spinelli
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Aggiornamento sul Piano regionale di Contrasto al gioco d’azzardo patologico, confronto sull’applicazione della legge regionale 57 del 2013 per la prevenzione e il contrasto del gioco d’azzardo patologico, a seguito delle ultime modifiche – la legge toscana è stata integrata e aggiornata nel gennaio di quest’anno – in materia di formazione obbligatoria.

Torna a riunirsi su questi temi l’Osservatorio regionale sul fenomeno della dipendenza da gioco, presieduto da Serena Spinelli, capogruppo di Articolo 1-Mdp in Consiglio regionale.

“Sarà occasione di confronto e di approfondimento con gli operatori del settore, i rappresentanti istituzionali dei territori e le realtà associative sulle misure che andranno ad aggiornare il Piano regionale di contrasto al GAP, per conoscere al meglio le specificità e le criticità dei territori, e per indicare le linee guida su cui lavoreremo nei prossimi mesi – dichiara la presidente Spinelli – Ci aspetta un lavoro importante: il Piano regionale dovrà essere in grado di tenere insieme una strategia regionale e i bisogni dei territori. Così come abbiamo fatto per elaborare le modifiche alla legge regionale 57/2013 in materia di gioco d’azzardo, anche per il Piano regionale sarà fondamentale, attraverso l’Osservatorio, accogliere i contributi che arriveranno da chi quotidianamente è sul campo e da chi, come gli amministratori locali, conosce da vicino le difficoltà dei territori”.

La riunione si terrà lunedì 28 maggio alle 15, nella sala Affreschi del palazzo del Pegaso. L’Osservatorio è composto dai consiglieri regionali Serena Spinelli (Art.1-Mdp), Ilaria Giovannetti (Pd), Andrea Quartini (M5s), dagli assessori regionali alla Salute, Stefania Saccardi, alla formazione, Cristina Grieco, e al Commercio, Stefano Ciuoffo; da rappresentanti di Comuni, organizzazioni di volontariato, esperti in materia di contrasto al gioco d’azzardo patologico e rappresentanti delle Asl toscane. Nel luglio 2017 si è dotato di un piano regionale di contrasto al gioco d’azzardo patologico.

Commenta su Facebook