“Abbiamo appreso del provvedimento del Tar che ha sospeso l’ordinanza per il contrasto delle ludopatie – dicono gli assessori comunali a Palermo, Giuseppe Mattina e Leopoldo Piampiano -. Gli uffici erano già al lavoro per modificare l’ordinanza, a seguito di un proficuo e collaborativo confronto con le associazioni degli operatori e delle indicazioni emerse in sede Anci. Di fatto quindi il Tar non avrà motivo di esprimersi nel merito dell’attuale ordinanza che sarà modificata introducendo appunto le differenziazioni di orario fra le diverse tipologie di esercizio commerciale”.

Per il sindaco la lotta alle ludopatie non si ferma: “Per l’amministrazione – dice Leoluca Orlando – resta valido l’impegno per prevenire e contrastare la ludopatia, mettendo al centro dell’attenzione i danni economici, sociali e umani che questa causa a centinaia di famiglie e che non possono essere considerati subordinati a qualsivoglia interessi economici”.