Il Governo ha fissato l’inizio della lotteria degli scontrini per il prossimo 1 gennaio 2021 ma gli esercenti non sono ancora pronti e lamentano grosse difficoltà.

Il Dott. Antonio Sorrento, Presidente di Partite Iva Nazionali (PIN): “La situazione è preoccupante, molti esercenti lamentano grossi ritardi nell’adeguamento dei registratori di cassa da parte delle società incaricate dell’aggiornamento dei software. Ciò inoltre comporta ulteriori spese per i commercianti sicuramente non opportune in questo momento. Infine, si fa presente che il mancato adeguamento delle casse comporterà gravi conseguenze nei confronti dei commercianti che potrebbero subire accertamenti fiscali. Per questo motivo abbiamo chiesto al Governo di prorogare l’obbligo di adeguamento al registratore di cassa telematico “RT” e di rinviare la lotteria almeno fino al 1° luglio 2021. Al riguardo, tengo a ringraziare il mio comitato scientifico e in particolare la Dott.ssa Donatella Dragone da Milano e il Dott. Alessandro Mele da Lecce per aver redatto a tempo record la nostra istanza”.

Interviene sul punto anche l’Avv. Matteo Sances, anch’esso componente del comitato scientifico di PIN, il quale fa presente che “quanto sta accadendo è molto grave perché in questo difficile momento le partite iva andrebbero supportate in ogni modo senza aggravarle di ulteriori incombenti. Ora più che mai gli esercenti sono impegnati a salvare le loro aziende. Ecco perché abbiamo deciso di supportare le partite iva dando loro tutte le informazioni necessarie per opporsi in caso di sanzioni del Fisco derivanti da questo ritardo (per informazioni [email protected] )”.