Germania. Il Governo decide di chiudere tute le sale giochi del Paese come misura di contenimento epidemia da Coronavirus. Le imprese del settore chiedono interventi immediati per scongiurare la crisi.

A causa della chiusura disposta dal governo tedesco di tutte le sale giochi e strutture di ristorazione, le aziende del settore che operano nella gestione di apparecchi da intrattenimento a vincita (slot) sono entrate in uno stato di emergenza. Georg Stecker, portavoce dell’Associazione tedesca dell’industria dell’automatico, parla delle difficoltà che sta affrontando il settore : “Le circa 6.000 aziende del settore , gestori e titolari di sale giochi sono in grave pericolo economico e con loro 70.000 dipendenti per cui vengono versati i contributi previdenziali”.

“La raccolta è già diminuite nelle ultime settimane e i guadagni ora sono completamente spariti. Ma salari e stipendi, contratti di affitto e altri obblighi continuano a camminare ”, ha affermato Stecker. “Questo è fatale, sia per le piccole e medie imprese familiari che per le aziende industriali con molte migliaia di posti di lavoro. L’insolvenza minaccia aziende fino ad oggi sane “, avverte Stecker, che accoglie con favore le prime misure annunciate dal governo federale, ma chiede ulteriori interventi:” Ora abbiamo bisogno di misure immediate non convenzionali che entreranno rapidamente in vigore e alleggeriranno  gli oneri per le aziende. Aiuti di liquidità rapidi ed efficaci con una liberazione del 100% da responsabilità e rimborsi a lungo termine sono ora necessari per tutte le aziende del settore dei distributori automatici, senza eccezioni. ”

Data la drammatica situazione, non dovrebbero esserci impedimenti. “Centinaia di procedure amministrative, come l’implementazione del cosiddetto requisito di autorizzazione minima e il divieto di concessioni multiple, dovrebbero essere sospese con effetto immediato”, chiede il presidente della associazione. “Anche le misure di sgravio fiscale sono ora indispensabili”, afferma.

Per quanto riguarda la protezione dei giovani e dei giocatori, Stecker spiega con preoccupazione: “Notiamo che i giocatori stanno migrando verso casinò online illegali che non offrono protezione dei giocatori e dei giovani così come viene fatto nelle sale giochi e gli esercizi commerciali”.