“L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha inviato una segnalazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardante le modifiche recentemente approvate alla Legge Regionale del Lazio nr. 5/2013 in materia di contrasto al gioco d’azzardo. Nello specifico ADM ha segnalato al Ministero delle Finanze le nuove regole introdotte dalla normativa regionale del Lazio consistenti nell’obbligo di interruzione del gioco ogni trenta minuti e nell’obbligo di riduzione della frequenza delle giocate ad una ogni trenta secondi. Trattandosi di regole che vanno ad incidere sul funzionamento degli apparecchi a giudizio di Adm si sarebbe verificata una violazione della normativa comunitaria in materia di regole tecniche e comunque la Regione Lazio avrebbe scavalcato le competenze regolatorie dell’Agenzia. Peraltro a giudizio di Adm anche se le suddette regole dovessero essere interpretate come ad esclusivo carico degli esercenti (senza necessità di riprogrammazione degli apparecchi) comunque risulterebbero di difficile applicazione”. E’ quanto spiega l’associazione Sapar in una nota.

Articolo precedenteCivitanova Marche (MC), opposizione all’attacco: “Dopo ennesima bocciatura del Consiglio di Stato giunta ritiri delibera su sale slot”
Articolo successivoUK, sospeso operatore di gioco online per non aver rispettato GAMSTOP (autoesclusione dei giocatori)