slot
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “Il gioco d’azzardo è una delle urgenze che stanno emergendo nella nostra società”. E’ quanto dichiarato in consiglio comunale a Sirtori (LC) dal sindaco Davide Maggioni durante la presentazione all’assise del regolamento provinciale per la prevenzione e il contrasto delle patologie e delle problematiche legate al gioco d’azzardo approvato all’unanimità dal consiglio comunale.

“Negli ultimi anni c’è stato un grosso ampliamento della possibilità di giocare, con macchinette, videoslot, videolottery oppure online. E tutto ciò sta creando una serie di problemi: il gioco d’azzardo può infatti diventare un disagio importante, una dipendenza, con la creazione di indebitamenti e problemi economici. Si è scelto, a livello di provincia, di redigere un regolamento unico che limitasse il gioco d’azzardo negli spazi che hanno installato macchinette e simili. Se lo stesso regolamento venisse approvato da tutti i comuni, non si avrebbe la possibilità di giocare più di tanto nei vari comuni limitrofi”, ha spiegato il primo cittadino.

“La nostra ordinanza prevede già che le macchinette adibite al gioco devono essere spente tra la mezzanotte e le dieci del mattino successivo. Con questo regolamento ampliamo questa fascia anche ad altri orari”. Non sarà possibile giocare, dunque, anche tra le ore 13.00 e le 14.00 e tra le 19.30 e le 20.30. “Si cerca dunque di dare meno offerta, meno possibilità di giocare. E’ corretto tutelare l’attività lecita del gestore. Il tentativo è quello di evitare gli abusi che ci sono e creano problemi. È possibile che si creino casi di disagio, che ricadono anche sulla comunità. E i primi da tutelare sono anche i bambini. Il regolamento non risolverà il problema ma il tentativo è quello di arginare le difficoltà e contenere il fenomeno” ha aggiunto Maggioni.

“Il problema c’è a Sirtori e in tutto il territorio. Il regolamento sarà approvato anche in altri comuni del casatese. Questo blocco delle ore di gioco non inficerà altri tipi di gioco, come il lotto. Nel regolamento è prevista anche la possibilità per il comune di incentivare i gestori che volontariamente tolgono o scelgono di non mettere macchinette. Vedremo in futuro se mettere in pratica anche questa facoltà”, ha concluso il sindaco.

Commenta su Facebook