“Se proprio si vuole dimettere, e noi ce lo auguriamo vivamente, la ministra Bellanova lo faccia per scusarsi con tutti quei settori che la sua incapacità ha lasciato nella disperazione.

Anzichè impuntarsi e forzare la mano su una follia come la sanatoria di clandestini che propone, ci dica perché nulla ha fatto per gli agricoltori, per i florovivaisti; per la nostra pesca, così come per i produttori di latte , per quelli della carne nostrana.

Ci dica perché si è dimenticata dell’ippica, degli agriturismi, della promozione del made in Italy come strategia della nostra ripartenza. Quando avrà dato tutte queste risposte può anche dimettersi: nessuno sentirà la sua mancanza”.

Cosi i senatori della Lega Gian Marco Centinaio, già ministro delle Politiche Agricole, Gianpaolo Vallardi, presidente della commissione Agricoltura a Palazzo Madama e Giorgio Maria Bergesio, capogruppo nella medesima commissione.