Varata l’intesa tra il comune  di Savona e Regione. Stop alle sale giochi nel centro storico.

Le regole sono precise e puntuali. Si parte da una serie di divieti di aperture ad attività considerate dequalificanti per le vie storiche della città. Non potranno aprire nelle aree indicate i distributori automatici h 24 di merce varia, compresi cibi e bevande. Stop alle sale da ballo, ai money change, ai phone center. No anche ai compro oro, alle lavanderie a gettone, ai centro massaggio, ai sexy shop, ai fax-internet point, alle sale gioco. Tutte attività, queste, che veicolano un’immagine poco appetibile, dal punto di vista turistico, della città. Per quel che riguarda le realtà già esistenti, sarà impedito qualsiasi ampliamento, mentre i distributori automatici di bevande, da tre mesi dell’entrata in vigore del regolamento, non potranno più vendere bibite alcoliche, di qualsiasi gradazione, birra compresa.