Il Comune di San Giovanni in Croce (CR) ha approvato il regolamento per la prevenzione e il contrasto del gioco d’azzardo. Cristina Cozzini del Consorzio casalasco servizi sociali ha illustrato il tema. Il regolamento – ha spiegato – è stato definito con il parere unanime dei sindaci dei Comuni del territorio casalasco.

Nel documento – si legge – sono esposte indicazioni concrete per cercare di, quanto meno, limitare l’uso delle macchinette, «provando a dare uniformità alle indicazioni». Le nuove installazioni, ad esempio, «non potranno essere effettuate entro 500 metri da scuole, chiese, residenze socio assistenziali, strutture ricettive, oratori. Abbiamo poi inserito un’altra restrizione. Non possono esserci sale da gioco nel raggio di 100 metri da banche, sportelli bancomat, compro-scambio oro. Perché sappiamo che il giocatore patologico può essere portato a vendere anche gli ori di famiglia. Le macchinette potranno funzionare solo nelle fasce orarie comprese tra le 10 e le 13 e tra le 18 e le 23. Al mattino si presume che i ragazzi siano a scuola e alla sera che gli anziani siano a casa».

I sindaci si impegnano poi a non concedere locali a chi vuole avviare attività con il gioco d’azzardo e a non rinnovare, alla scadenza, eventuali locazioni già attive. «Inoltre si impegnano ad evitare la pubblicizzazione delle attività».

Commenta su Facebook