E’ scatta da alcuni giorni la zona rossa a Mezzojuso (PA) e in un altro Comune della provincia di Agrigento, Sambuca di Sicilia. A Mezzojuso – dove è stato scoperto un cluster di contagiati – sono entrate in vigore misure più stringenti per contrastare la diffusione del Coronavirus. La decisione è stata assunta dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, in seguito al rapporto delle due Asp territorialmente competenti che hanno confermato la presenza di cluster locali.

Advertisement

In particolare nei due paesi (fino al 24 ottobre per Mezzojuso e al 7 novembre per Sambuca) è vietata la circolazione, a piedi o con qualsiasi mezzo pubblico o privato, all’interno del territorio comunale, fatta eccezione per indifferibili esigenze lavorative o situazioni di necessità e motivi di salute. Per l’acquisto o il consumo di generi alimentari e l’acquisto di beni di prima necessità si può uscire una sola volta al giorno. A Sambuca di Sicilia e Mezzojuso la principale modalità di lavoro è ora lo smart-working, con la promozione, da parte dei datori di lavoro pubblici e privati, della fruizione di ferie e congedi per i propri dipendenti.

Stop alle lezioni nelle scuole di ogni ordine e grado, così come ai servizi dell’infanzia. Chiusi musei, biblioteche e luoghi di cultura, inoltre sono vietati banchetti e feste private di qualunque tipo. Nei due centri, sono sospesi tutti gli eventi sportivi, (incluse le attività di allenamento), le manifestazioni culturali, ludiche e religiose (grandi eventi, cinema, teatri, pub, scuole ballo, sale giochi, discoteche, ecc.). Sospese altresì le cerimonie civili e religiose, a eccezione dei funerali a cui possono partecipare massimo 15 persone.

Negli esercizi commerciali delle due comunità è consentito l’accesso a una sola persona per volta e sempre con l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Sono, comunque, consentiti l’asporto e la vendita al domicilio sempre all’interno del territorio comunale. Nei due paesi è consentito il transito, dai rispettivi territori comunali, per l’ingresso e l’uscita di prodotti alimentari, sanitari e di beni e servizi essenziali. Infine, è consentita la circolazione dei residenti o domiciliati (anche di fatto) nei Comuni interessati, esclusivamente per garantire le attività necessarie per la cura e l’allevamento degli animali, nonché per le attività imprenditoriali non differibili in quanto connesse al ciclo biologico di piante, purché condotti a titolo individuale.