“E’ arrivato il momento di fare riaprire il casinò di Taormina o moriremo tutti di fame”. Il monito lo ha lanciato il presidente dell’Unione dei Comuni di Naxos-Taormina, nonché sindaco di Castelmola, Orlando Russo, all’incontro di ieri a Palermo tra i vertici regionali dell’Anci (di cui Russo è componente del direttivo) con il Governo Musumeci.

“O si trovano soluzioni concrete e incisive per combattere la crisi oppure ne verremo travolti tutti. Del casinò si parla da tantissimi anni, lo sappiamo, e conosciamo anche l’ostracismo che c’è stato nel tempo su questa vicenda, ma la mia non è una semplice provocazione. Va fatta una battaglia perché il casinò non sarà la panacea di tutti i male, è anche vero che i vari casinò si sono indebitati o sono falliti, ma può dare un impulso all’economia di un territorio oggi paralizzato da una crisi senza precedenti. La Regione deve fare la sua parte, l’Anci e i siciliani faranno la loro, a Roma devono ascoltarci, non è detta l’ultima parola. Bisogna crederci e lottare”.

“Bisogna smetterla di nascondersi nelle solite frasi che servono a qualcuno soltanto per andare contro la Sicilia e i siciliani – ha detto Orlando Russo –. La verità è che la mafia noi l’abbiamo subita, non l’abbiamo esportata”. E’ quanto si legge su ilsicilia.it.