“Sul contrasto al gioco patologico, non bisogna fare passi indietro. E invece il consigliere regionale Leone e altri esponenti della Lega Salvini Piemonte hanno presentato, nel novembre 2019, un progetto di Legge urgente in Consiglio regionale per abolire la retroattività dell’applicazione della norma che vieta di installare e di far funzionare apparecchi automatici da gioco entro una certa distanza dai luoghi sensibili, come ad esempio scuole, ospedali, sportelli Bancomat. L’approvazione di tale progetto di legge significherebbe riempire di nuovo bar e tabaccherie della nostra Regione con le “macchinette””. Così in una nota il Partito Democratico di Rivoli (TO).
“Da un paio di anni a questa parte, sono in gran parte sparite dai nostri panorami urbani; significherebbe inoltre permettere a gran parte delle sale giochi piemontesi di continuare a operare indisturbate accanto a scuole, centri di aggregazione giovanili, ritrovi per gli anziani, impianti sportivi e così via“.

Il gruppo consiliare del Partito Democratico di Rivoli ha presentato un ordine del giorno in Consiglio Comunale. E’ stato approvato con i soli voti favorevoli delle forze di opposizione. Con questo documento si condanna con forza la volontà della Regione Piemonte di voler tornare sui propri passi in materia di contrasto al gioco d’azzardo patologico. Si esprime la più ferma contrarietà nei confronti della direzione che la Giunta Cirio pare abbia intrapreso e si rivendica tutto il lavoro fatto negli scorsi anni in materia di gioco d’azzardo patologico.

“Rivoli, ancora una volta, ha fatto la propria parte scegliendo da quale parte stare. Rivoli, ancora una volta, si è mostrata all’avanguardia. Speriamo che anche la Regione Piemonte, attraverso tutti i Consiglieri di maggioranza e di opposizione, non sia da meno“.