Per sale scommesse, giochi e bingo riapertura il 13 giugno. E’ quanto prevede una ordinanza della Regione Toscana, mutuata dal Molise. Tanto basta ad alimentare nella giornata di oggi ulteriore confusione, come se non ce ne fosse abbastanza, tra le imprese di gioco legale.

In attesa del DPCM a firma del premier Conte che, come avevamo anticipato, arriverà in serata, le Regioni fanno un passo in avanti e con le ordinanze recepiscono le linee guida per l’apertura delle attività del 9 giugno, tra cui quelle per la riapertura delle attività di gioco all’interno degli esercizi specializzati.

Tanto basta, a quanto ci risulta, per far pensare che a Firenze, così come a Campobasso, da domani potranno tirare su la serranda le sale Bingo o le agenzie di scommesse, per queste ultime poi la ripartenza coinciderebbe con la possibilità di scommettere sulla semifinale di Coppa Italia prevista per domani.

Vuoi anche per la scelta di alcune rappresentanze di categoria degli esercenti che in queste ore stanno comunicando queste informazioni senza una adeguata dovizia di particolari e chiarimenti, il livello di incertezza è al massimo.

Oggi, al tavolo dei concessionari di gioco pubblico con la dirigenza dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, si affronterà, tra le prime questioni, proprio questa: l’efficacia di queste ordinanze. Sarà una lunghissima riunione, molte infatti le questioni operativa da affrontare.

Certo è che qualsiasi disposizione, ai fini della reale ed effettiva ripartenza della attività di raccolta di gioco, dovrà essere ‘perfezionata’ da un provvedimento a firma del direttore della Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, così come già avvenuto nel caso della raccolta delle giocate di Lotto e Superenalotto e perfino della riaccensione dei monitor per i giochi all’interno delle tabaccherie.

I tempi, è evidente, sono davvero stretti. Pochissime ore dal fischio di inizio, o almeno così è stato anticipato anche dal Ministro della Salute Roberto Speranza, rendono complicatissimo il poter raccogliere giocate su questo evento. Potrebbe essere, in definitiva, l’ennesima occasione mancata. mc