“Al momento attuale, vigono le norme previste dal contratto di lavoro. Chiediamo di conoscere nel dettaglio le modalità di apertura, della ‘rotazione’ del personale. La Segreteria ribadisce che qualora si evidenziassero applicazioni diverse dal contratto vigente, la stessa, si rifarà all’articolo presente nel vigente Ccl (art. 44). Per quanto concerne eventuale mutamento di mansione, saranno da tenersi sostenibili solo quelle previste dall’art 15. I lavoratori hanno dimostrato, visto il delicato momento, ampio senso di responsabilità, venendo incontro alle esigenze aziendali con grande sacrificio da parte della stragrande maggioranza dei lavoratori”.

E’ quanto afferma Massimiliano Moroni, segretario di Ugl terziario, in una nota rivolta all’amministratore delegato di Casinò Spa, Giancarlo Ghinamo e al dirigente del settore giochi tradizionali, Carlo Spelta per chiedere chiarimenti in merito alla riapertura della casa da gioco di Sanremo.